Messico | Liberate 58 delle 66 persone rapite a Culiacán

Messico |  Liberate 58 delle 66 persone rapite a Culiacán

(Messico) – Le autorità messicane hanno annunciato domenica che sono state ritrovate 58 delle 66 persone rapite in massa venerdì nella città di Culiacan, nello stato di Sinaloa (nord-ovest).


“Oggi, altre sedici persone sono tornate alle loro case, tra cui dodici adulti e quattro minori, portando il numero totale delle persone trovate a 58”, ha detto a Channel X Gerardo Merida, segretario alla pubblica sicurezza dello stato di Sinaloa.

Il giorno precedente, il governo locale aveva riferito che erano state trovate 42 persone.

Ha aggiunto: “Stiamo lavorando per localizzare o determinare il destino delle otto persone ancora scomparse”.

Le autorità statali di Sinaloa stanno indagando sul rapimento di massa avvenuto venerdì nei quartieri popolari di Culiacan.

Il governo locale non ha spiegato le ragioni dei rapimenti e non ha annunciato alcun arresto.

Venerdì, i sequestratori armati, mascherati e vestiti di nero, sono arrivati ​​a bordo di camion e hanno aperto il fuoco in aria, secondo un rapporto diffuso dalla Segreteria di Sicurezza dello Stato, visionato dall'Agence France-Presse.

I media locali hanno riferito che i rapitori appartengono a sette famiglie.

L'episodio è avvenuto il giorno dopo la morte di tre persone durante uno scontro armato a Badiraguato (nord-ovest), città natale dell'ex leader del cartello di Sinaloa, Joaquín “El Chapo” Guzmán, che sta scontando una condanna all'ergastolo negli Stati Uniti. Paesi dediti al traffico di droga e al riciclaggio di denaro.

Con oltre 450.000 omicidi e 100.000 sparizioni da quando è stata lanciata l'offensiva militare contro i narcotrafficanti nel 2006, il Messico è diventato uno dei paesi più violenti al mondo.

READ  Il fenomeno meteorologico La Niña finisce e sarà presto sostituito da El Niño

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *