Messico | Il presidente ha offeso la comunità ebraica quando ha definito “Hitler” uno dei suoi critici

(Città del Messico) Giovedì il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, ha offeso la comunità ebraica del suo paese chiamando uno dei suoi critici, un ebreo, un “Hitler”.

Inserito ieri alle 17:39.

“Ieri ho detto che il signor Alazraki era un Hitler”, ha annunciato il presidente, prendendo di mira l’editore inaugurale Carlos Alazrachi. Durante il suo intervento quotidiano per più di due ore, ha ripetuto: “Il signor Al-Azraki è un seguace dell’ideologia di Hitler”.

Chi era il principale sostenitore di Hitler? Goebbels”, ha proseguito il nazionalista di sinistra, magistrale nei grandi riferimenti storici.

Goebbels ha detto che una bugia ripetuta troppo spesso può rivelarsi vera. Bene, questa è l’essenza della strategia di predicatori o predicatori come Al-Azraki”.

“Ho molti amici nella comunità ebraica”, ha aggiunto. “Ma questo non significa che l’intera società possa danneggiare il movimento di trasformazione, solo con i suoi ideali, le sue idee, il suo conservatorismo, ripeto, l’hitlerismo”.

Eletto presidente nazionalista di sinistra nel 2018, afferma di guidare la “Quarta Trasformazione” del Messico dopo l’indipendenza nel 1821, le riforme liberali del 1857 e la rivoluzione del 1910-1917.

Una delle figure del suo Movimento per la Rigenerazione Nazionale (Morena), il sindaco di Città del Messico, Claudia Sheinbaum, e potenziale seconda alle prossime elezioni del 2024, è la nipote degli ebrei dell’Europa orientale.

Non sono Hitler. “Sono ebreo, proprio come Sheinbaum”, ha risposto Carlos Alazrachi in una lettera aperta al presidente sul quotidiano Universal. “Mi hai diffamato chiamandomi Hitler, Mussolini, Franco e Stalin.”

“Sì, Presidente, sono un neoliberista, conservatore e ‘fifi’ (borghese).” […]. E sai a chi devo tutto questo? Al mio amato Messico, che mi ha dato tutte le opportunità di prosperare, proprio come la maggior parte dei messicani”, scriveva l’editoriale.

READ  Aereo pieno di paracadutisti precipita, uccidendo quattro persone

Da parte sua, il Comitato Centrale della Comunità Ebraica del Messico ha respinto “l’uso del termine Hitler”, ritenendolo “sfortunato e inaccettabile”, cioè rispetto al “regime più sanguinoso della storia”.

Secondo i dati ufficiali, la comunità ebraica in Messico contava 59.000 praticanti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.