Messa conservatrice | Trump è tornato nell’arena politica domenica

(Orlando) Donald Trump è tornato: per la prima volta da quando ha lasciato la Casa Bianca, domenica l’ex presidente si rivolgerà a una folla molto conservatrice intenzionata a riprendere il controllo di un partito repubblicano che lotta per nascondere le sue divisioni.




Chandan Khanna con Camille Camdsus a Washington
France Media

Si candiderà nel 2024? La stessa domanda riecheggia tra i suoi alleati e avversari. E il forum, provocato volentieri, dovrebbe flirtare pubblicamente con questa idea.

Di fronte ai conservatori americani si sono riuniti per assistere alla loro solenne messa annuale a Orlando, l’ex presidente comunque su terra occupata. C’è un messaggio che risuona con questi convinti sostenitori di Trump: assicurati di voltargli le spalle.

Foto di John Rocks, giornalista associato

I partecipanti alla conferenza posano per le loro foto accanto alla statua d’oro di Donald Trump.

Rappresentava ex senatori, governatori e ministri che avevano elogiato la sua presidenza di tre giorni.

“L’America prima è ciò di cui l’America ha bisogno”, Mike Pompeo, sabato, ha fatto appello al fiduciario più fedele di Trump, adottando la famosa dottrina dell’ex presidente.

Come le bandiere e i cappelli dei partecipanti, molti di loro hanno timbrato la parola “Trump”, questa gigantesca statua dorata del miliardario 74enne seduto nella sala conferenze.

Nel suo primo discorso dal 20 gennaio, previsto per le 15:40 ora locale, l’uomo d’affari parlerà prima di immigrazione e delle “politiche catastrofiche” del suo successore, Joe Biden, sulla questione, ha detto il suo entourage all’AFP.

Ma evocherà in particolare “il futuro del Partito Repubblicano e del movimento conservatore”.

READ  La prima visita di Biden al Pentagono, tra le polemiche sull'estremismo militare

Non creeremo nuovi partiti né divideremo il nostro potere. Lo deve dire, secondo estratti dal suo discorso ottenuto da Fox News.

Se siamo idolatrati, perdiamo.

Dall’attacco mortale a Capitol Hill, il Partito Repubblicano ha mostrato improvvise divisioni.

Dopo quattro anni nel mandato di Trump, i repubblicani hanno perso il controllo del Congresso e della Casa Bianca. È un ex presidente che porta la famigerata macchia di un atto d’accusa (“accusa”) per istigazione alla ribellione nell’attacco al Campidoglio, che salirà sul palco.

Il signor Trump è stato finalmente assolto durante il processo al Senato a metà febbraio. Storicamente, tuttavia, sette repubblicani hanno votato per condannarlo.

Qualcuno ha respinto esplicitamente domenica l’idea che Donald Trump sia di nuovo il candidato presidenziale repubblicano per il 2024, e il senatore Bill Cassidy della CNN ha avvertito il senatore Bill Cassidy che “se incoraggiamo qualcuno, perdiamo”.

Naturalmente, altri repubblicani possono candidarsi nel 2024, come i senatori Josh Hawley, Tom Cotton, il governatore del Sud Dakota Christie Noem o l’ex ambasciatore delle Nazioni Unite Nikki Haley.

Ma tutti sono ancora consapevoli del potere elettorale di un presidente che è salito al potere creando la più grande sorpresa nella storia politica moderna.

Se pone fine al suo ritiro da ex presidente della Florida, Donald Trump mantiene già il sostegno di milioni di elettori repubblicani e non ha smesso di intromettersi negli affari del partito.

E anche essendo bandito dal suo account Twitter, vuole dimostrare che può ancora creare e rompere i post sulla destra.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *