Manovre navali russo-cinesi: “reazione” alla posizione “aggressiva” degli Stati Uniti in Asia, secondo l’esercito russo

Il capo di stato maggiore russo Valery Gerasimov ha dichiarato giovedì che le esercitazioni navali previste per questa settimana tra la marina russa e quella cinese nel Mar Cinese Orientale sono una “risposta” alla posizione “aggressiva” degli Stati Uniti in Asia.

• Leggi anche: La visita di Zelensky a Washington: nessuna ‘disponibilità ad ascoltare la Russia’

• Leggi anche: Biden promette a Zelensky di “aumentare” il suo sostegno all’Ucraina

• Leggi anche: Washington annuncia la fornitura all’Ucraina del sistema di difesa aerea Patriot

“Questa cooperazione è una risposta naturale all’aggressivo rafforzamento delle capacità militari statunitensi nella regione”, ha detto Gerasimov ai rappresentanti militari di paesi stranieri.

Durante il suo discorso, ha affermato: “I pattugliamenti navali e aerei russo-cinesi nella regione dell’Asia-Pacifico, così come le esercitazioni e l’addestramento, sono diventati un’attuazione pratica del partenariato strategico con la Cina”.

Le impostazioni di Brightcove sono errate o mancanti

La Russia ha annunciato lunedì che molte delle sue navi da guerra prenderanno parte ad esercitazioni con la marina cinese tra il 21 e il 27 dicembre, mentre Mosca e Pechino rafforzano i loro legami contro gli occidentali nel bel mezzo del conflitto in Ucraina.

Il ministero della Difesa russo ha affermato all’epoca che nel programma erano incluse anche esercitazioni congiunte di missili, artiglieria e guerra antisommergibile.

“Lo scopo di queste esercitazioni è aumentare la coesione di combattimento delle forze e delle forze dei due paesi e la loro capacità di resistere a nuove sfide e minacce”, ha dichiarato giovedì Valery Gerasimov.

Il capo di stato maggiore russo ha sottolineato che Mosca e Pechino non intendono “creare alleanze” o “nuove divisioni nella regione, come Washington”.

READ  Il riscaldamento globale è uno dei principali responsabili degli incendi nel West americano

Negli ultimi mesi, la Russia ha cercato di rafforzare le sue relazioni con i paesi asiatici, in particolare con la Cina, di fronte alle sanzioni occidentali che le sono state imposte in seguito al suo attacco all’Ucraina.

Mosca e Pechino si presentano come contrappeso geopolitico agli Stati Uniti e ai loro alleati, come dimostra la visita di mercoledì in Cina dell’ex presidente russo e secondo in comando del Consiglio di sicurezza Dmitry Medvedev, durante la quale ha incontrato in particolare il presidente Xi . Jinping.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.