Mai addebitato | Gli Stati Uniti hanno rilasciato tre detenuti di Guantanamo

(Washington) Un avvocato di uno dei tre uomini ha detto martedì che tre dei quaranta prigionieri ancora detenuti nella base militare statunitense di Guantanamo avevano accettato di essere rilasciati da un comitato della Casa Bianca, in un precedente per l’amministrazione Biden.


France Media

Tra i tre detenuti pakistani c’è Saifullah Paracha, 73 anni, e il più anziano attualmente prigioniero a Guantanamo, quasi due decenni dopo che gli Stati Uniti hanno arrestato centinaia di sospetti all’indomani degli attacchi dell’11 settembre 2001.

PHOTO SYLVIE LANTEAUME, agenzia d’archivio stampa francese

Il cancello principale della prigione di Guantanamo a Guantanamo Bay, Cuba.

Gli altri due prigionieri sono Abd al-Rabbani (54 anni), anche lui di nazionalità pakistana, e Othman Abd al-Rahim Othman (40 anni), dello Yemen.

“Oggi non è un giorno qualunque. Saifullah Paracha – 73 anni, 17 dei quali ingiustamente detenuti – tornerà a casa”, ha twittato il suo avvocato, Shelby Sullivan Bennis.

L’avvocato ha confermato che il rilascio dei tre detenuti è stato approvato lunedì dall’Alto Commissariato della Casa Bianca.

Secondo lei, non verranno rilasciati per un periodo di 30 giorni e dipenderà dagli accordi che verranno conclusi con i paesi di destinazione.

Il Pakistan aveva già annunciato di essere pronto a ricevere i suoi cittadini detenuti a Guantanamo. Tuttavia, il trasferimento dei prigionieri yemeniti si è rivelato particolarmente complicato, a causa della situazione della sicurezza in questo Paese del Golfo, che da molti anni vive nel mezzo di un conflitto armato.

Come la maggior parte dei detenuti a Guantanamo, nessuno dei tre uomini è stato formalmente accusato.

READ  1730 Soldati ucraini si sono arresi da Azovstal da lunedì

Saifullah Paracha era un uomo d’affari istruito negli Stati Uniti che possedeva una società di importazione ed esportazione che riforniva i principali rivenditori statunitensi prima di essere rapito e arrestato in Thailandia nel 2003. Era accusato di aver collaborato alla raccolta di fondi. Al Qaeda, il gruppo terroristico responsabile degli attacchi dell’11 settembre.

Da allora è stato detenuto senza accusa, rivendicando la sua innocenza e dichiarando il suo amore per gli Stati Uniti.

Altri sei prigionieri avevano già visto il loro rilascio approvato, di cui cinque prima che Donald Trump entrasse in carica nel 2017. Una volta entrato in carica, il miliardario repubblicano ha interrotto il rilascio di quei detenuti.

Joe Biden sta subendo pressioni per rilasciare i detenuti non identificati e per perseguire coloro che sono accusati di avere legami con Al Qaeda.

La prigione di Guantanamo Bay, situata sulla terraferma degli Stati Uniti sull’isola di Cuba, ospita quasi 800 prigionieri. Tra i restanti 40, un certo numero di persone accusate di aver partecipato alla preparazione e all’attuazione degli attacchi dell’11 settembre, nonché ad altri attacchi di Al Qaeda.

“Sono fiducioso che l’amministrazione Biden svuoterà Guantanamo il più possibile”, ha detto Shelby Sullivan Bennis dopo la decisione di lunedì.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.