“Macchina da guerra” russa. Le sanzioni statunitensi prenderanno di mira più di 500 entità

“Macchina da guerra” russa.  Le sanzioni statunitensi prenderanno di mira più di 500 entità

(Washington) – Gli Stati Uniti annunceranno venerdì l'imposizione di nuove sanzioni alla Russia, prendendo di mira più di 500 entità legate alla sua “macchina da guerra e sostegno”, ha annunciato giovedì un portavoce del Dipartimento del Tesoro americano.


Ha aggiunto: “Questa sarà la più grande spinta dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina da parte di Putin”, solo due anni fa, il 24 febbraio 2022.

Un portavoce del Dipartimento del Tesoro ha confermato che queste sanzioni saranno adottate sia dal Dipartimento del Tesoro che dal Dipartimento di Stato.

La Casa Bianca aveva già annunciato venerdì all'inizio della giornata nuove sanzioni “significative” contro la Russia.

Viene anche in risposta alla morte del leader dell’opposizione russa Alexei Navalny, la cui vedova e figlia hanno incontrato Joe Biden giovedì a San Francisco.

Il presidente degli Stati Uniti ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di essere “responsabile” della sua morte, annunciata il 16 febbraio.

Lunedì Joe Biden, in risposta alla domanda di un giornalista, ha dichiarato: “Abbiamo già delle sanzioni, ma stiamo valutando di imporre ulteriori sanzioni”.

Dallo scoppio della guerra, americani ed europei hanno già adottato numerose sanzioni contro la Russia, congelando i beni negli Stati Uniti di persone ed entità prese di mira e vietando loro qualsiasi commercio all'interno dei paesi alleati. Lì sono stati congelati anche i beni della Banca centrale russa.

In calo le entrate petrolifere

I paesi della coalizione, che comprende il G7, l’Unione Europea e l’Australia, hanno inoltre istituito un sistema per limitare i prezzi del petrolio russo.

Ciò ha avuto l’effetto di ridurre di un terzo, rispetto al 2022, le entrate che la Russia ha ottenuto nel 2023 dall’esportazione di petrolio e prodotti petroliferi, secondo i paesi della coalizione.

READ  Attacco ai giornalisti ad Haiti | Un sopravvissuto ha detto che le bande erano "molto meglio che armare la polizia".

Le sanzioni e gli annunci sono raddoppiati negli ultimi giorni, con l’avvicinarsi del secondo anniversario dell’invasione dell’Ucraina.

Mercoledì i paesi dell’Unione europea si sono quindi accordati su 13H Pacchetto sanzioni: giovedì il Regno Unito ha annunciato misure contro più di 50 persone e aziende, ma ha anche annunciato la consegna di nuove spedizioni di missili agli ucraini.

Il presidente francese Emmanuel Macron organizzerà lunedì un incontro a Parigi per sostenere l’Ucraina con diversi capi di Stato e di governo o i loro rappresentanti ministeriali.

Da parte americana, giovedì il Dipartimento di Giustizia ha annunciato accuse contro una minoranza russa.

D’altro canto, gli aiuti finanziari statunitensi sono ancora bloccati al Congresso.

In effetti, l’amministrazione Biden afferma regolarmente il proprio sostegno all’Ucraina. Ma se il Senato, che ha una maggioranza democratica, approverà una nuova busta che include 60 miliardi di dollari in aiuti militari per l’Ucraina, i repubblicani vicini a Donald Trump ora la bloccheranno alla Camera dei Rappresentanti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *