Lungi dal mostrare illustrazioni di Maometto

Violente polemiche infuriano negli Stati Uniti, dove una professoressa universitaria ha perso il suo carico di insegnamento dopo aver esposto dipinti medievali del Profeta Maometto in un corso di storia dell’arte. Un atto descritto dall’università come “islamofobia”.


La polemica è iniziata lo scorso ottobre alla Hamline University, situata nel Minnesota, nel nord degli Stati Uniti. La docente di storia dell’arte Erica Lopez-Prater ha mostrato in classe una delle prime illustrazioni al mondo della storia islamica. Il New York Times. L’immagine che mostra il Profeta Maometto si trova in una serie di cronache del quattordicesimoH Il corno è stato realizzato da Rashid al-Din (1247-1318). Un altro dipinto del XVIH È stato anche mostrato un corno che mostra il profeta velato.

Conoscenza del delicato argomento – l’Islam, nella sua interpretazione rigorosa, proibisce qualsiasi raffigurazione del profeta Maometto -, Mio López-Prater aveva informato in anticipo i suoi studenti, invitandoli a lasciare l’aula se preferivano non esserne esposti.

Nessuno si è opposto. Poi, al termine del corso, una studentessa, presidente dell’Associazione degli studenti musulmani dell’università, gli ha raccontato il suo disagio, prima di sporgere formale denuncia.

“Ero tipo, ‘Questo non può essere vero'”, ha testimoniato questo studente V.ispirazioneGiornale degli studenti universitari. “Come persona musulmana e nera, non sento di avere un posto, né penso che lo troverò mai in questa comunità se i suoi membri non mi rispettano, se non mi mostrano lo stesso rispetto che ho io loro.”

Il contratto non è stato rinnovato

Il carico di corso di Erika Lopez-Prater non è stato rinnovato dopo la controversia, anche se si è scusata.

Il presidente dell’università Fiennes Miller ha detto in una e-mail Il New York Times.

L’università ha anche definito l’evento “anti-islamico”.

Il 4 gennaio, la controversia ha lasciato le mura dell’istituto per trovare una risonanza nazionale quando l’organizzazione per la difesa delle libertà civili FIRE ha presentato una denuncia all’American Council on Higher Education.

“Se un professore di storia dell’arte non può mostrare agli studenti universitari un’opera d’arte vitale per timore che lo studente o il gruppo offeso ne provochi l’espulsione, non vi è alcuna garanzia di libertà di insegnamento in tale istituto e nessun obbligo di istruzione superiore ”, ha reagito parte dell’Alliance League. Academic Freedom in una lettera all’università chiedendo l’immediata reintegrazione di Erika Lopez-Prater.

Petizione sul sito del cambiamento. org a sostegno del ricercatore e advocacy per l’indagine ha raccolto più di 7.600 firme dal 24 dicembre.

Un tabù che non è sempre esistito

La controversia ricorda il caso del luogotenente della professoressa Veruschka Duvall all’Università di Ottawa, nell’ottobre 2020. Anche questo insegnante è stato sospeso dopo aver pronunciato la parola N davanti a una classe di arte femminista, scatenando una discussione pancanadese su libertà accademica.

“La particolarità rispetto al caso Ottawa è che c’è una dimensione religiosa”, conferma Rashad Antonius, sociologo specializzato in società arabo-musulmane presso l’Università del Quebec a Montreal (UQAM).

Le persone che agiscono in relazione alla loro religione, per loro, è assoluto, è Dio. Rende la loro posizione non negoziabile.

Rashad Antonios, un sociologo specializzato in società arabo-musulmane all’UQAM

A suo avviso, la posizione dello studente che ha sporto denuncia riecheggia un’ideologia dell’Islam più “conservatrice” e “alt-right” – o wahhabismo – che è molto presente nel mondo musulmano da cinquant’anni. Il signor Anthony spiega: “Un aspetto di questa ideologia è che non dobbiamo assolutamente fare un’immagine o una scultura del Profeta, perché è idolatria. E che questa convinzione non dovrebbe essere apertamente contraddetta”.

Tuttavia, il fatto che i dipinti del Messaggero, che Dio lo benedica e gli conceda la pace, esistano fin dal Medioevo indica che i tabù non erano sempre presenti in questo modo, come confermato dallo specialista, che ha co-pubblicato un nuovo lavoro a gennaio intitolato Islam e islamismo in Occidente.

Una visione condivisa da Muriel Gomez Pérez, storica e specialista del mondo islamico alla Laval University. Questi incidenti indicano una mancanza di conoscenza della storia delle arti islamiche e l’emergere e l’influenza del wahhabismo a partire dal XIX secolo.H secolo e ancora di più durante il XXH secolo”, ha detto via e-mail.

La rappresentazione del Profeta appare soprattutto nell’arte moghul e ottomana, a partire dalla metà del XIII secoloH Il secolo, dall’Andalusia alla Persia, tra gli Elcanidi ei Mongoli e tra gli Ottomani.

Muriel Gomez-Perez, storica e specialista del mondo islamico presso la Laval University

Il problema, secondo Antonio, è che i seguaci dell’ideologia wahhabita vogliono imporre questo standard non solo a se stessi, ma anche agli altri. “Per questo la reazione dell’università è vergognosa”, afferma.

Con Agence France-Presse

Eco dolorosa in Francia

In Francia, un insegnante di storia e geografia è stato accoltellato e poi decapitato vicino al suo college nel 2020 da un diciottenne radicalizzato che lo ha accusato di mostrare caricature di Maometto in classe.

Un Paese già indebolito dall’inizio del decennio è stato scosso da un’ondata di attacchi jihadisti e ha riacceso accesi dibattiti su libertà di espressione, religione, laicità e diritto alla blasfemia.

READ  Missili lanciati dalla Bielorussia verso l'Ucraina

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.