L’Ucraina riceve nuovi sistemi occidentali contro gli attacchi russi

Kiev | Lunedì l’Ucraina ha ricevuto nuovi sistemi di difesa aerea occidentali progettati per contrastare i missili russi, che piovono regolarmente sulle città di tutto il paese, causando tagli di acqua ed elettricità con l’arrivo dell’inverno.

• Leggi anche: Manifestazione filo-ucraina dei russi locali

• Leggi anche: Le interruzioni di corrente causano tensione nel centro di detenzione per immigrati

Dopo una serie di scioperi russi che hanno lasciato centinaia di migliaia di persone senza elettricità, le autorità della regione di Kiev, capitale ucraina, hanno parlato di una situazione ancora “tesa” per gli approvvigionamenti energetici.

L’amministrazione militare regionale ha invitato i residenti a “utilizzare l’elettricità con moderazione”, mentre l’operatore Ukrenergo ha dovuto effettuare uno “spegnimento di emergenza”.

Un attacco con droni e missili russi il 31 ottobre ha lasciato quasi l’80% della popolazione della capitale senza acqua e 350.000 case senza elettricità, prima che alcuni danni venissero riparati.

Per far fronte a questi attentati, il presidente Volodymyr Zelensky ha invitato i paesi occidentali a creare uno “scudo” in grado di proteggere le infrastrutture critiche prese di mira da Mosca.

Secondo il ministro della Difesa Oleksich Reznikov, lunedì Kiev ha ricevuto i sistemi di difesa aerea NASAMS e Aspide, forniti da Stati Uniti, Spagna e Norvegia.

“Queste armi rafforzeranno in modo significativo l’esercito ucraino e renderanno i nostri cieli più sicuri”, ha scritto Reznikov su Twitter.

Queste spedizioni seguono, in particolare, l’ultima generazione del sistema tedesco “Iris-T” oi missili terra-aria francesi “Crotale”. Il Regno Unito ha annunciato l’invio di missili AMRAAM.

Di fronte al bombardamento russo, gli occidentali sperano di fornire all’Ucraina una difesa antiaerea “rattoppata” utilizzando attrezzature moderne e vecchie.

READ  Washington fornirà nuovi aiuti militari all'Ucraina

Secondo le autorità ucraine, la Russia ha distrutto circa il 40% delle infrastrutture energetiche dell’Ucraina dall’inizio di ottobre, compreso l’uso di droni suicidi di fabbricazione iraniana.

“Stabilità” in Kherson

Da parte russa, le autorità di occupazione della città di Kherson, nel sud dell’Ucraina, hanno dichiarato la “stabilizzazione” delle forniture di acqua ed elettricità il giorno dopo due incursioni in cui russi e ucraini si accusavano a vicenda.

Questi attacchi hanno danneggiato anche la diga idroelettrica di Kakhovka, che è stata occupata dalle forze russe e rifornisce l’annessione della Crimea, in un’area dove le forze ucraine sono all’offensiva da settimane.

“Gli esperti (…) hanno parzialmente riavviato le forniture vitali in ogni piccola area della città”, ha detto lunedì l’amministrazione dell’occupazione all’agenzia di stampa russa TASS.

Kherson è la principale città ucraina occupata dalle forze russe dall’inizio dell’invasione a febbraio. Di fronte all’imminente battaglia, Mosca ha organizzato l’evacuazione della popolazione che Kiev ha denunciato come “deportazioni”.

Mentre gli ultimi quattro inizi della settimana hanno visto intensi bombardamenti russi sulle città ucraine, lunedì mattina è stato relativamente calmo, con cieli grigi e nebbiosi a Kiev non favorevoli agli attacchi aerei.

“Abbiamo imparato otto mesi fa che questo può accadere ogni giorno e ci siamo adattati, non sto cambiando la mia routine per questo, lavorerò come ogni giorno”, ha detto all’AFP un residente della capitale. Alyona Bleich, 21 anni.

Secondo l’esercito ucraino, nelle ultime 24 ore, le forze russe hanno lanciato 4 missili e 24 bombardamenti aerei in tutto il Paese.

Almeno una persona è stata uccisa nell’attentato nella regione meridionale di Zaporizhia, un’altra è stata ferita nella vicina regione di Kherson e un’altra è stata uccisa nella regione settentrionale di Sumy, secondo le autorità regionali competenti.

READ  È stato emesso il primo allarme rosso per caldo estremo del Regno Unito

L’esercito russo ha nuovamente accusato le forze ucraine di aver sparato “sette proiettili di grosso calibro” contro la centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande d’Europa, occupata da Mosca da marzo, senza causare un aumento delle radiazioni.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha ribadito lunedì che Mosca è “aperta” alla possibilità di negoziati con Kiev e ancora una volta ha denunciato il rifiuto di dialogo di Volodymyr Zelensky.

A Zaporizhia, nel sud dell’Ucraina, i residenti fuggiti dall’occupazione russa hanno raccontato ai giornalisti dell’AFP di un’atmosfera di paranoia composta da perquisizioni e confische di telefoni.

“Abbiamo dovuto cancellare tutte le nostre lettere. Dio ci salvi se avessimo detto qualcosa contro la Russia. Nessuno si sentiva al sicuro”, ha detto Irina Mikhilina, della città occupata di Berdyansk.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.