L’Ucraina afferma di aver respinto gli attacchi russi vicino a Severodonetsk

Le forze ucraine hanno annunciato domenica di aver respinto gli attacchi russi ai villaggi vicino a Severodonetsk, una città chiave nell’est del Paese, dove i due eserciti hanno combattuto sanguinose battaglie per settimane, hanno annunciato domenica le forze armate a Kiev.

• Leggi anche: diretto | Il 116° giorno di guerra in Ucraina

• Leggi anche: Zelensky non dubita della vittoria, la Nato si aspetta un conflitto a lungo termine

“Le nostre unità hanno respinto l’attacco nella regione di Toshkivka”, ha detto l’esercito ucraino su Facebook. “Il nemico si è ritirato e si sta riorganizzando”.

L’esercito ucraino ha aggiunto che le forze russe “hanno preso d’assalto” il villaggio di Orikov, ma “hanno respinto con successo” un attacco vicino a quel villaggio.

Sabato, i funzionari hanno affermato che si stavano svolgendo feroci battaglie nelle aree fuori Severodonetsk, che secondo loro erano per lo più ma non del tutto sotto il controllo russo.

Tutte le dichiarazioni dei russi sul controllo di Severodonetsk sono bugie. “In realtà controllano la maggior parte della città, ma non la controllano completamente”, ha detto domenica il governatore locale Sergio Gaidai su Telegram.

Ha aggiunto che le forze russe “fornivano costantemente rinforzi al loro esercito” e hanno portato nuove truppe a Severodonetsk e nell’area circostante.

“Ora stanno usando quelle che vengono chiamate tattiche di esplorazione e stanno cercando di andare passo dopo passo, metro dopo metro”, ha aggiunto.

Ha detto che le autorità ucraine stanno continuando le evacuazioni da Lysichansk attraverso il fiume da Severodonetsk, che è pesantemente bombardato.

L’evacuazione da Severodonetsk non era possibile giorni fa, dopo la distruzione dell’ultimo ponte sul fiume che la collegava alla città di Lyschansk.

READ  La guerra in Ucraina | Boicottaggio ministeriale della Russia al vertice del G-20

Le autorità ucraine affermano che centinaia di persone si sono rifugiate nel bombardamento dell’impianto chimico di Azot a Severodonetsk.

Sergojic Jaidic ha dichiarato che la fabbrica era stata “bombardata due volte” in 24 ore e che il suo “impianto di lavorazione” era stato distrutto.

Le Nazioni Unite hanno avvertito questa settimana che i civili a Severodonetsk mancano di acqua pulita, cibo e servizi igienici.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.