L’omicidio di George Floyd | Tre anni e mezzo di carcere per un poliziotto coinvolto

(Minneapolis) L’ex agente di polizia di Minneapolis che si è inginocchiato sulla schiena di George Floyd mentre un altro ufficiale si è inginocchiato sul collo dell’uomo di colore è stato condannato venerdì a tre anni e mezzo di carcere.


Alexander King si è dichiarato colpevole a ottobre per un conteggio di favoreggiamento in omicidio di secondo grado. In cambio, il complice è stato abbandonato per l’omicidio. Kueng sta già scontando una condanna federale per aver violato i diritti civili di George Floyd, e la sua condanna statale verrà scontata contemporaneamente.

Kueng è apparso all’udienza di condanna tramite videocassetta da una prigione federale dell’Ohio. Quando gli è stata data l’opportunità di rivolgersi alla corte, ha rifiutato.

George Floyd è morto il 25 maggio 2020, dopo che l’ex agente di polizia Derek Chauvin si è inginocchiato sul suo collo per nove minuti e mezzo. Il signor Floyd ha detto ripetutamente che non riesce a respirare. L’omicidio, che qualcuno ha filmato, ha scatenato proteste in tutto il mondo come parte di un discorso più ampio sull’ingiustizia razziale.

c inginocchiato Alexander King sulla schiena del signor Floyd durante la contenzione, mentre il terzo ufficiale, Thomas Lane, ha tenuto le gambe del signor Floyd e Tou Thao ha impedito agli astanti di interferire. Tutti gli ufficiali sono stati licenziati e hanno affrontato accuse statali e federali.

Come parte del patteggiamento, Kueng ha ammesso di portare il busto di George Floyd, di sapere attraverso l’esperienza e l’addestramento che trattenere una persona ammanettata in posizione prona creava un grande pericolo e che il contenimento del signor Floyd era irragionevole date le circostanze.

READ  La guerra in Ucraina | OSCE preoccupata per i "campi filtro" russi

Kueng ha accettato una condanna statale di tre anni e mezzo di carcere, da scontare in concomitanza con la sua condanna federale e in custodia federale.

La sentenza di King porterà i casi contro tutti gli ex agenti di polizia più vicini alla risoluzione, sebbene il caso dello stato contro Thao sia ancora pendente.

Thao aveva precedentemente detto al giudice Peter Cahill che sarebbe stato “mentire” dichiararsi colpevole. A ottobre ha accettato quello che viene definito un processo per corroborare le prove nel caso di omicidio. Come parte del processo, i suoi avvocati e pubblici ministeri sviluppano prove concordate nel suo caso e forniscono argomentazioni conclusive scritte. Il giudice Cahill deciderà quindi se è colpevole o meno.

Se Thao verrà ritenuto colpevole, l’accusa di omicidio – che comporta una pena detentiva di 12 anni e mezzo – verrà ritirata.

Chauvin, che è bianco, è stato condannato per omicidio e omicidio di primo grado l’anno scorso e sta scontando una pena detentiva di 22 anni e mezzo nel caso statale. Si è anche dichiarato colpevole di un’accusa federale di violazione dei diritti civili del signor Floyd ed è stato condannato a 21 anni di carcere. Contemporaneamente sta scontando la pena presso il Federal Correctional Institution di Tucson, in Arizona.

Kueng, Lin e Thao sono stati tutti condannati per accuse federali a febbraio: tutti e tre sono stati condannati per aver negato a Floyd il suo diritto alle cure mediche, Thao e Kueng sono stati anche condannati per non essere intervenuti per arrestare Chauvin durante l’omicidio.

Lane, anch’egli bianco, sta scontando una pena detentiva federale di due anni e mezzo in una struttura del Colorado. Contemporaneamente sta scontando una pena detentiva di tre anni. King, che è nero, è stato condannato a tre anni di carcere con accuse federali. Thao, un Hmong americano, è stato condannato a tre anni e mezzo di prigione.

READ  Biden promette che la Russia non può "violare" i diritti umani

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.