Liverpool rimossa dalla lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO

(Liverpool) L’UNESCO ha rimosso mercoledì Liverpool dall’elenco dei siti del patrimonio mondiale, una misura estremamente rara adottata a causa dell’eccessivo sviluppo di questo famoso porto inglese nell’era industriale, con disappunto degli eletti locali e del governo britannico.


Victor Bennington con Charlotte Durand a Londra
Agenzia di media Francia

Tredici delegati del Comitato del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO hanno votato, durante una sessione video presieduta dalla Cina, per declassare questo porto nel nord-ovest dell’Inghilterra, classificato nel 2004, e cinque contro, un voto in più di una maggioranza di due terzi. Necessario per eseguire il downgrade da un sito.

Così, Liverpool diventa il terzo sito a subire questa procedura estremamente rara. Solo due siti sono stati precedentemente rimossi da questo elenco, che esiste dal 1972.

Il santuario dell’Orice d’Arabia, una specie di antilope, è stato ritirato nel 2007 dopo che l’Oman ha deciso di ridurre la sua area del 90% per un progetto di esplorazione di idrocarburi, e poi due anni dopo la Valle dell’Elba a Dresda (Germania) a causa di una strada progetto di costruzione del ponte.

Oggetto di contesa per il Liverpool: i piani di riqualificazione del porto, compresi grattacieli e un nuovo stadio di calcio, rischiano di “fare danni irreversibili” al patrimonio, ha affermato la commissione dell’UNESCO.

“Siamo molto delusi da questa decisione”, ha risposto un portavoce del governo. “Crediamo che il Liverpool meriti ancora il suo posto nel patrimonio mondiale, dato l’importante ruolo che i marciapiedi hanno avuto nella storia e nella città in generale”.

Liverpool è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 2004, dopo un’ambiziosa riabilitazione del lungomare e delle banchine dopo decenni di degrado.

READ  Dozens were killed in a strong earthquake in Indonesia that destroyed homes and buildings

Porto di partenza di milioni di immigrati irlandesi e britannici e di schiavi africani, la città con un ricco patrimonio musicale è anche il luogo di nascita dei Beatles. Una storia che ha plasmato quella che l’UNESCO ha definito “l’eccellenza e l’unicità” di Liverpool.

“Gli scarafaggi” Titanic »

La città è nella lista dei beni in pericolo dal 2012 e sono state richieste garanzie sul futuro del sito. Ma i progetti di sviluppo sono proseguiti. Il nuovo stadio dell’Everton Football Club – che è stato approvato dal governo senza alcuna inchiesta pubblica – è “l’ultimo esempio di un grande progetto che è completamente in contrasto” con gli obiettivi dell’UNESCO, secondo il consiglio.

Harry Doyle, consigliere comunale, si è detto ancora più deluso dalla decisione perché l’UNESCO non era venuto al sito.

“La nostra eredità è qui per restare”, ha detto, difendendo il rapporto “simbiotico” tra lui e la riqualificazione della città. “Poiché avevamo progetti di sviluppo in città, siamo stati in grado di investire nei nostri beni culturali e del patrimonio”.

Il sindaco Joan Anderson ha annunciato su Twitter di voler riprendere questa riduzione.

Denunciando la “decisione presa dall’altra parte del mondo da persone che non sembrano capire il rinascimento” che la città ha vissuto negli ultimi anni, il leader della regione di Liverpool Steve Rotheram la vede come una “misura regressiva, che non riflette la realtà sul campo”.

“Molti dei siti citati dall’UNESCO si trovano in comunità che hanno un disperato bisogno di investimenti”, ha affermato, osservando che “luoghi come Liverpool non dovrebbero affrontare una scelta binaria tra preservare il loro status o patrimonio” e aiutare “le comunità lasciate indietro”.

READ  Il Giappone e gli Stati Uniti sono alleati contro la Cina

Ma per Alan Ellis, turista britannico intervistato dall’AFP, “non è così importante”: “La gente non viene qui per l’UNESCO”, ma per i Beatles e la band Titanic, di cui Liverpool era il porto principale.

Anche diversi paesi, tra cui l’Australia, compresa la Grande Barriera Corallina, sono minacciati di chiusura e si sono espressi contro la rimozione di Liverpool dalla lista, ritenendo che sarebbe una misura “drastica” nel bel mezzo della pandemia di coronavirus.

Il prestigioso marchio del patrimonio mondiale è un vantaggio per il turismo e incoraggia i governi a proteggere i loro tesori culturali o ambientali. Ma l’aggiunta non è permanente e questi siti possono anche essere privati ​​del loro stato o avvertiti che sono in pericolo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *