Lettera aperta: i ministri Blanquer e Roberge deplorano i pericoli della cultura abolizionista

I ministri dell’Istruzione francesi, Jean-Michel Blanquer e Quebecoa, Jean-François Roberge, vogliono portare i loro cittadini fuori da uno “stato di vulnerabilità” di fronte ai sostenitori incondizionati della cultura dell’abolizione (” cancella cultura ‘), e considerali “assassini della memoria”.

Per arrivarci, mm. Blanquer e Roberge sono determinati a colmare le lacune nei rispettivi programmi di insegnamento, che descrivono come un “primitivo baluardo contro l’ignoranza e l’oscurantismo”.

È nostro dovere preparare i nostri giovani all’esercizio di una cittadinanza attiva, rispettosa e illuminata. Una cittadinanza che lascia spazio alla discussione e alle opinioni degli altri, confrontandosi con le idee e mettendo in discussione tutte le nostre convinzioni”. Sostieni Jean-Michel Blanquer e Jean-François Roberge in una lettera aperta Pubblicato in quotidiani su entrambe le sponde dell’Atlantico.

A loro avviso, gli “attacchi alla libertà di espressione e al senso civico” da parte di persone risvegliate (” alzarsi ”) deve essere neutralizzato. Hanno ammonito che “senza contrappeso alla perniciosa influenza di una cultura dell’intolleranza e della cancellazione, i valori democratici – libertà di parola, uguaglianza, laicità – che ci uniscono rischiano inevitabilmente di indebolirsi”, pur rilevando di aver già rilevato “un preoccupante questione”. Lo spirito democratico è diminuito” così come in Francia e Canada.

Jean-Michel Blanquer e Jean-François Roberge lo vedono come “l’esilio di personalità, spettacoli e conferenze, molestie sui social media, censura, subordinazione della scienza all’ideologia, cancellazione della storia fino all’accesso a libri spontanei”. da prevenire.

Hanno in mente in particolare l’abolizione della rappresentanza forniture Da Eschilo sotto la pressione dei manifestanti che si oppongono all’uso di maschere nere e trucco da parte di attori bianchi (2019) e Commento del professor Veruschka tenente Duval dell’Università di Ottawa sotto la pressione di studenti scioccati dal “sentire la parola n”. ‘Dalla sua bocca anche per scopi didattici, è menzionato a Parigi e nel Quebec.

READ  Muore all'età di 93 anni l'ex vicepresidente Walter Mondale

Questo movimento con le sue trasgressioni e trasgressioni [de la culture de l’annulation] Costituisce un terreno fertile per tutti gli estremismi che minacciano la coesione delle nostre società”, ha sostenuto l’ex professore universitario (Jean-Michel Blanquer) ed ex insegnante elementare (Jean-François Roberge) nella loro lettera aperta intitolata “Scuola di libertà contro l’oscurantismo ”.

Resistere attraverso l’educazione

I ministri di Francia e Quebec propongono di rafforzare la “base comune di conoscenze, abilità e principi basati su valori universali” ereditati dall’Illuminismo.

In Quebec, il ministro dell’Istruzione, Jean-François Robert, sostituirà il corso di Etica e Cultura Religiosa (ECR) con un corso incentrato sulla cultura e cittadinanza del Quebec, e ne svelerà le caratteristiche in una conferenza stampa nei prossimi giorni. “Dobbiamo trasmettere ai nostri giovani una maggiore conoscenza della nostra storia, della nostra cultura e del lavoro della società del Quebec. Dobbiamo anche trasmettere un senso di orgoglio e cittadinanza comune”, ha affermato il primo ministro. Francois Legault, secondo il quale “a alzarsiÈ uno che vede discriminazioni ovunque”.

Da parte sua, il ministro dell’Istruzione superiore, Danielle McCann, emanerà raccomandazioni per tutelare la libertà universitaria, alla luce del rapporto del Comitato scientifico e tecnico indipendente, presieduto da Alexandre Cloutier. Ce l’avrà entro la fine dell’anno, assicura la sua squadra.

In Francia, il ministro della Pubblica Istruzione, Jean-Michel Blanquer, da parte sua, ha lanciato meno di 10 giorni fa il “Lab of the Republic”, un think tank e gruppo di lavoro volto a promuovere il “patrimonio mondiale dell’Illuminismo” nel di fronte all’ascesa del wokismo. L’avvocato era accompagnato da politici, scrittori e intellettuali del Tempio di Elizabeth Badinter, Rachel Kahn, Giles Claverioll e l’ex direttore del Tempio di Elizabeth Badinter. Charlie HebdoFilippo Val.

READ  75 serpenti velenosi in una casa in North Carolina

Per comprendere meglio “la crescente ansia di fronte ai dibattiti e al dialogo” Jean-Michel Blanquer organizzerà, con Jean-François Roberge, un dibattito che riunisce giovani e intellettuali di diversa provenienza.

Parigi e Quebec, ma non Ottawa

L’idea di scrivere una lettera aperta congiunta è nata da una conversazione telefonica tra il signor Blanquer e il signor Robertage – che il ministro francese ha richiesto dopo aver letto un articolo in estate su Punto imparentato bruciare libri per bambini Trasmetterebbe un’immagine negativa e falsa dei popoli indigeni, in particolare Tintin e buona fortuna, avvenuta in Ontario, nel 2019. “Spontaneamente”, i due ministri – che hanno opinioni simili su questioni di laicità in particolare – hanno concordato sulla necessità di “fare qualcosa”. Hanno scelto di portare la penna, lasciando il governo canadese nell’ombra. Parigi e Quebec hanno rinviato la pubblicazione della lettera aperta per tenerla fuori dalle elezioni federali canadesi, e quindi dal suo primo anniversario. L’omicidio di Samuel Bate.

Il 16 ottobre 2020, un insegnante di francese è stato decapitato dopo aver mostrato i disegni del profeta Maometto Charlie Hebdo In un corso sulla libertà di espressione. Non senza suscitare polemiche, Jean-Michel Blanquer ha notato “una matrice intellettuale che proviene dalle università americane e si interseca con tesi che vogliono società e identità intrinseche”.

Il primo ministro del Quebec, François Legault, ha condannato apertamente l’uccisione di Samuel Baty, affermando che “il Quebec è fianco a fianco con la Francia per difendere la libertà di espressione”. Da parte sua, il primo ministro canadese ha affermato: Justin TrudeauHa ribadito il suo desiderio di “difendere sempre la libertà di espressione” prima Determina che “la libertà di espressione non è illimitata”. “In una società plurale, diversificata e rispettata come la nostra, dobbiamo a noi stessi riconoscere l’impatto delle nostre parole e azioni sugli altri, in particolare su queste società, su queste popolazioni che continuano a subire tremende discriminazioni”, ha affermato, lanciando un diplomatico risposta alle relazioni Canada-Francia. Infatti, il presidente della Francia, Emmanuel Macron, è stato arrestato per aver ringraziato François Legault per “aver sostenuto il Quebec nella difesa della libertà di espressione”.

READ  I vigili del fuoco della California affrontano un incendio che crea la propria atmosfera

Tuttavia, la lettera aperta dei ministri dell’istruzione non deve essere vista come un nuovo schiaffo diplomatico da Parigi a Ottawa, ci assicura il Rochechouart.

Guarda il video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *