L’esercito israeliano annuncia il recupero dei corpi di tre ostaggi nella Striscia di Gaza

L’esercito israeliano annuncia il recupero dei corpi di tre ostaggi nella Striscia di Gaza

L’esercito israeliano ha annunciato venerdì di aver ritrovato i corpi di tre ostaggi trattenuti nella Striscia di Gaza dopo l’attacco lanciato da Hamas sul territorio israeliano il 7 ottobre, che ha portato allo scoppio della guerra nei territori palestinesi.

• Leggi anche: Israele annuncia il ritrovamento dei corpi di tre ostaggi a Gaza

• Leggi anche: Bombardamenti a Gaza e Israele ordina nuove evacuazioni a Rafah

“I corpi degli ostaggi (Shanan) Yablonka (israeliano, ndr), Michele Nissenbaum (israeliano-brasiliano, ndr) e Orion Hernandez (Radu, franco-messicano, ndr) sono stati recuperati nella notte nel corso di un’operazione congiunta. L’esercito ha dichiarato in un comunicato che le sue forze… e i suoi servizi segreti si trovano a Jabalia, a nord della zona di guerra.

Questi tre uomini erano tra le 124 persone ancora detenute a Gaza, tra le 252 persone rapite il 7 ottobre. Secondo l’esercito israeliano, il numero degli ostaggi ancora detenuti ammonta a 121, di cui 37 morti.

Orion Hernandez Radox, 32 anni, stava partecipando al festival musicale Nova nel sud di Israele quando i combattenti di Hamas hanno attaccato. Era con la sua amica Shani Luke, una donna tedesco-israeliana di 22 anni apparsa in seguito in un video sui social media, sdraiata a faccia in giù, apparentemente priva di sensi e seminuda, nel retro di un camioncino nella Striscia di Gaza. L’esercito israeliano ha annunciato il 17 maggio di aver riportato il suo corpo in patria.

Anche Chanan Yablonka, appassionata di sport e musica, è stata rapita durante il festival. È divorziato e padre di due figli, secondo sua sorella Avivit ha deciso all’ultimo momento di andare al festival con quattro dei suoi amici.

READ  Ha descritto Donald Trump come il peggior presidente degli Stati Uniti

Sua sorella, Avivit Yablonka, ha detto all’AFP che lui e i suoi amici hanno cercato di fuggire in macchina. I corpi dei suoi quattro amici, compreso quello dell’ex calciatore della nazionale israeliana Lior Assouline, sono stati ritrovati e identificati vicino all’auto.

Yablonka ha detto martedì all’AFP che aveva “paura di sentire cattive notizie” su suo fratello dopo che era stato annunciato che diversi corpi di altri ostaggi erano stati restituiti la settimana precedente.

La mattina del 7 ottobre, Michael Nissenbaum, 59 anni, residente a Sderot, una cittadina alla periferia della Striscia di Gaza, è andato in macchina a prendere sua nipote – il cui padre è un soldato – alla base militare di Reem. Da allora non si hanno più notizie di lui. Era al telefono con i familiari quando è caduta la linea. Poi, una voce in lingua araba ha risposto alla chiamata di una delle sue figlie.

Michel Nissenbaum, che possiede la doppia cittadinanza israeliana e brasiliana, è nato a Niteroi, vicino a Rio de Janeiro, prima di immigrare in Israele all’età di 12 anni. È divorziato e padre di due figlie sposate.

I tre corpi furono restituiti a Israele.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *