L’ergastolo per gli assassini di Ahmet Arbery

Washington | Tre bianchi americani sono stati condannati all’ergastolo venerdì per stalking e poi per aver sparato al giovane corridore nero Ahmed Arbery, che secondo loro era un sospetto ladro nel febbraio 2020 in Georgia, nel sud degli Stati Uniti.

• Leggi anche: Le sculture di George Floyd e Breonna Taylor saranno presto messe all’asta

• Leggi anche: Colpevole di aver ucciso il jogger afroamericano Ahmoud Arbery

Travis McMichael, 35 anni, l’assassino, e suo padre, Gregory McMichael, 66, sono stati condannati all’ergastolo senza possibilità di rilascio anticipato.

Il loro vicino William Bryan, 52 anni, che ha partecipato al processo filmandola, è stato condannato all’ergastolo con la possibilità di chiedere il rilascio anticipato dopo 30 anni di carcere.

Quando ha emesso la sentenza a Brunswick, una città costiera nella parte sud-orientale dello stato, il giudice Timothy Walmsley ha affermato che Ahmaud Arbery “è uscito per fare jogging e ha finito per correre per salvarsi la vita”.

I tre uomini sono stati condannati per l’omicidio il 24 novembre, dopo discussioni improntate al razzismo e al diritto all’autodifesa.

Venerdì mattina, la famiglia di Ahmed Arbery aveva chiesto al giudice la “massima sentenza”.

“Hanno sparato a mio figlio perché non lo volevano nella loro zona”, ha detto Wanda Cooper Jones, la madre di Ahmed Arbery.

Gli avvocati dei tre uomini hanno difeso per l’ultima volta un atto non intenzionale non meritevole di reclusione.

Il 23 febbraio 2020, il 25enne stava correndo a Brunswick quando i tre uomini lo hanno inseguito nelle loro auto.

Dopo una discussione, Travis McMichael ha aperto il fuoco e ha ucciso un jogger che stava cercando di afferrare il suo fucile. Ha affermato di aver agito per legittima difesa.

READ  Più di 50 aerei da guerra | Una nuova invasione cinese della zona di difesa aerea di Taiwan

Gli imputati avevano confermato di aver arrestato Ahmaud Arbery per furto con scasso, dopo averlo visto pochi giorni prima di entrare in una casa in costruzione. Hanno anche invocato una vecchia legge che consente ai privati ​​cittadini di detenere un sospetto in Georgia.

In questo stato ancora profondamente segregato dal punto di vista razziale, i tre uomini hanno beneficiato dell’indulgenza dei servizi del procuratore generale locale di lunga data, Gregory McMichael, che li ha lasciati liberi.

A maggio è stata richiesta la diffusione di un video che ritrae la morte del giovane afroamericano per affidare le indagini alla polizia di stato e l’arresto dei tre uomini.

Il nome di Ahmaud Arbery è stato cantato nelle grandi proteste antirazziste che hanno scosso il Paese nell’estate del 2020, dopo la morte di George Floyd, un afroamericano ucciso da un ufficiale di polizia bianco.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *