Leadership repubblicana | Elise Stefanik guadagna influenza grazie a Trump

(Washington) È stata appena eletta repubblicana sei anni fa ed è stata considerata molto “progressista” da influenti conservatori, ma all’età di trentasei anni Elise Stephanik si è avvicinata ai vertici del suo partito. Un’ascesa fulminea che può essere spiegata con un nome: Donald Trump.


Elodie Cuisine
France Media

Grazie alla sua incrollabile difesa del miliardario, comprese le sue accuse infondate di truccare le elezioni, questo funzionario eletto che ha raggiunto il Congresso in posizioni moderate le è valso il soprannome di “Trump”.

Ha “il mio pieno e completo sostegno”: questa settimana l’ex presidente repubblicano ha chiamato l’attrice eletta di un collegio elettorale rurale di New York a correre per sostituire il suo animale domestico, Liz Cheney, per il numero tre dei Repubblicani della Camera.

Foto di Andrew Caballero-Reynolds, AFP

Donald Trump

Mercoledì è prevista una votazione per rimuovere la figlia dell’ex vicepresidente Dick Cheney dalle sue funzioni, che includono la trasmissione del “messaggio” del partito all’interno e all’elettorato.

Eletta come conservatrice della contea nel Wyoming, ha perso il sostegno di altri leader del partito dopo le sue forti critiche a Donald Trump.

È stata una dei pochi repubblicani a votare per la sua accusa di “incitamento alla rivolta” durante l’attacco del 6 gennaio a Capitol Hill. Il miliardario è stato poi assolto dal Senato, al termine del suo secondo storico provvedimento di “impeachment”.

Foto J. SCOTT APPLEWHITE, STAMPA PRESSATA ARCHIVIO

I repubblicani incolpano Liz Cheney per la sua posizione anti-Trump.

Se il suo gruppo parlamentare voterà contro Liz Cheney, nei giorni successivi avrà luogo un ballottaggio interno per sostituirla. Ed Elise Stefanek ha buone possibilità di vincere, con il sostegno dell’ex presidente, la cui influenza resta enorme tra i repubblicani.

READ  Messico | Storm Grace diventa un uragano di categoria 3

“progressivo”

Una possibilità sorprendente alla luce dei rispettivi bilanci: tra gennaio 2019 e gennaio 2021, il 93% dei voti di Liz Cheney concordava con le posizioni di Donald Trump, secondo FiveThirtyEight, rispetto al solo 65% dell’attore eletto. Da New York, è anche tra i parlamentari più propensi a lavorare con i democratici.

Elise Stefanic è “Progressive”, un’organizzazione conservatrice del “Growth Club” dopo il cenno del capo di Donald Trump.

Laureata ad Harvard, ha lavorato alla Casa Bianca per George W. Bush dal 2006 al 2009. All’età di 30 anni, è stata la donna più giovane ad essere eletta al Congresso.

Al suo arrivo a Capitol Hill nel gennaio 2015, Elise Stephanic inizialmente ha tenuto le distanze da Donald Trump, il front runner e poi il presidente.

Nel 2017 ha votato contro la sua importante riforma fiscale. Ha espresso il suo disaccordo con diverse decisioni, incluso il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo sul clima di Parigi.

‘Nuova stella’

Durante la prima azione per mettere sotto accusa i repubblicani, nel caso ucraino, Elise Stefanik divenne nota al grande pubblico … e Donald Trump.

Una nuova star: questo spettatore insaziabile ha apprezzato la feroce difesa mediatica presentatagli dal funzionario eletto dal suo stato a New York.

GETTY IMAGES / AFP Photo Archives

Elise Stefanek interroga i testimoni durante una sessione della House Intelligence Committee nel novembre 2019.

Era la fine del 2019. Da allora, anche Elise Stefanic si è schierata dietro le accuse di frode elettorale lanciate dal miliardario per mesi dopo la sua sconfitta presidenziale lo scorso novembre, nonostante il fallimento di dozzine di rimedi legali.

READ  Un programma di 20 anni dietro l'incidente del filtro della chat virale

Queste accuse sono culminate nell’attacco a Capitol Hill da parte di manifestanti pro-Trump, che gridavano “Stop ai furti”.

Quel giorno, il Congresso ha votato per confermare la vittoria del democratico Joe Biden.

Elise Stefanek aveva firmato obiezioni ai risultati di quattro grandi stati e, subito dopo l’attacco mortale, ha votato contro la certificazione delle elezioni in Pennsylvania.

Resta il fatto che tra il governo Trumpiano regnano i dubbi e in molti ricordano bene le posizioni moderate del parlamentare.

Quasi per convincerli meglio, Elise Stefanick ha girato nei giorni scorsi programmi ultraconservatori, facendo eco ai temi principali dell’avvocato “America First”, sulla Cina, contro la famiglia Biden o presunti eventi elettorali.

E cercando di presentarsi come monoteisti.

“Voglio inviare un messaggio chiaro che siamo la stessa squadra”, ha detto in un podcast di Steve Bannon, un ex consigliere di Donald Trump.

“Questo significa lavorare con[ex-]Presidente e collabora con tutti gli eccellenti membri repubblicani del Congresso “.

“Non possiamo raggiungere l’unità conciliando la verità con le bugie”, ha protestato domenica Adam Kinzinger, uno dei pochi repubblicani eletti che hanno apertamente attaccato l’ex presidente. “La menzogna è dire che le elezioni sono state rubate”, ha aggiunto alla CBS.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *