Le ragazze tornano al college e a scuola in una provincia afgana

Kabul, Afghanistan | Un funzionario talebano e insegnanti hanno detto, martedì, che le ragazze sono tornate in alcuni college e scuole nella provincia settentrionale afgana di Kunduz, ma la procedura non si applica al resto del Paese.

• Leggi anche – Afghanistan: paura e fame nelle grotte di Bamiyan

Un video pubblicato dal portavoce dei talebani Sohail Shaheen mostra decine di ragazze che tornano a scuola a Khanabad, una città e un distretto nella provincia di Kunduz.

La maggior parte indossa la tradizionale uniforme scolastica delle ragazze afgane, una lunga giacca nera e una sciarpa bianca, ma altre indossano un niqab nero che copre l’intero viso tranne gli occhi. Si siedono sulle panchine e sventolano bandiere talebane.

“Le ragazze frequentano le scuole secondarie a Khanabad”, ha scritto Shaheen, nominato dai talebani loro rappresentante permanente presso le Nazioni Unite.

Ma Mohammad Abed, un funzionario del ministero dell’Istruzione a Kabul, ha detto all’AFP che le regole non sono cambiate. “Le scuole superiori sono ancora chiuse alle ragazze”, ha detto.

A metà settembre i college e le scuole afgani avevano riaperto, ma solo per i ragazzi.

Il governo ha poi assicurato che le ragazze sarebbero state seguite “il prima possibile”, ma che era prima necessario garantire loro un “ambiente di apprendimento sicuro”, in accordo con la rigida interpretazione dei talebani della sharia che diceva “no”. Categorie miste.

lezioni per single

Le ragazze possono già frequentare le scuole primarie e le università private, ma in classi individuali e purché completamente velate.

Il direttore e direttore della provincia di Kunduz ha confermato all’AFP che i college e gli studenti sono tornati nelle classi nei distretti di Arki e Imam Sahib.

READ  Sospettato di "tradimento" | Cerca l'Ucraina nella lussuosa villa di un deputato vicino a Putin

Un’insegnante di Kunduz, capoluogo di provincia, ha detto all’AFP che le ragazze avevano ripreso gli studi nella sua scuola.

La direzione ha spiegato al suo direttore che il divieto per le ragazze “si applica solo in altre province e non a Kunduz”, ha detto, a condizione di anonimato.

L’assenza delle ragazze dalle scuole secondarie ha indignato la comunità internazionale, che teme che i talebani impongano lo stesso tipo di regime fondamentalista e brutale che avevano quando erano già al potere tra il 1996 e il 2001.

Le donne erano quindi in gran parte escluse dalla vita pubblica, con rarissime eccezioni, non autorizzate a studiare o lavorare.

Gli islamisti hanno anche invitato le donne a rimanere a casa ea non tornare al lavoro per il momento, adducendo motivi di sicurezza. Hanno confermato di poter poi tornare al lavoro, ma separatamente dagli uomini.

Anche se i talebani dal loro ritorno al potere a metà agosto hanno cercato di rassicurare il popolo afghano e la comunità internazionale assicurando che saranno meno duri rispetto al passato, le loro promesse faticano a persuadere.

Ma un portavoce del ministero dell’Interno ha detto all’AFP martedì che tutti gli impiegati dell’ufficio passaporti, “comprese le donne”, sono stati invitati a tornare al lavoro.

Il governo ha dichiarato in una nota di aver iniziato a pagare gli stipendi di alcuni funzionari ministeriali.

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *