Le isole Tonga sono state tagliate fuori dal mondo dopo l’eruzione vulcanica e lo tsunami

Molte famiglie attendevano con ansia lunedì la notizia dei propri cari sulle isole Tonga, tagliate fuori dal mondo dopo la potente eruzione vulcanica della scorsa settimana, che ha innescato uno tsunami nell’Oceano Pacifico.

L’arcipelago è privo di connessioni telefoniche e Internet, poiché il disastro ha interrotto un cavo essenziale per le sue comunicazioni che non dovrebbero essere riparate per settimane. E la nuvola di cenere vulcanica impedisce agli aerei di atterrare.

• Leggi anche: A Tonga, i residenti fuggono dallo tsunami dopo l’eruzione vulcanica

• Leggi anche: Immagini | Impressionante eruzione di un vulcano sottomarino nell’Oceano Pacifico

• Leggi anche: Eruzione di Tonga: allarme tsunami sulla costa occidentale degli Stati Uniti, inondazioni alle Hawaii

Le informazioni giungono da questo paese di appena 100.000 persone da rari telefoni satellitari e la vera portata del danno è ancora in gran parte sconosciuta.

La Nuova Zelanda e l’Australia hanno inviato lunedì aerei militari da ricognizione nel tentativo di valutare l’entità del danno aereo e identificare le esigenze di assistenza più urgenti, secondo il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern.

“Sappiamo che l’acqua è un bisogno urgente”, ha detto ai giornalisti.

I due paesi hanno anche mobilitato aerei da trasporto militari C-130, pronti a decollare per Tonga non appena la nuvola di cenere si sarà dissipata per paracadutarsi lì, o addirittura atterrarvi se le condizioni della pista lo permetteranno.

L’eruzione, una delle più potenti degli ultimi decenni al mondo, è stata ascoltata fino all’Alaska. Ha causato uno tsunami che ha inondato le coste degli Stati Uniti in Cile e Giappone e ha ucciso due persone in Perù. Cenere e piogge acide hanno colpito gran parte dell’Oceano Pacifico.

READ  Congresso degli Stati Uniti | Nuova polemica sulle parole di un funzionario musulmano eletto

“Penso che la cosa peggiore sia il downgrade e il fatto che non sappiamo nulla”, ha affermato Filippo Muttolalo, giornalista tongano che lavora in Nuova Zelanda per Pacific Media Network.

“Non c’è alcuna connessione”, ha aggiunto. “La nostra casa è una delle case vicino all’area che è già stata allagata, quindi non sappiamo quale sia il danno”.

Domenica, la Ardern ha affermato che il governo della Nuova Zelanda ha stabilito comunicazioni satellitari con l’Alto Commissariato del paese a Nuku’alofa. Secondo lei, non ci sono notizie di vittime nella capitale, ma ci sono stati danni “significativi” in alcune aree.

Il ministro dello sviluppo internazionale australiano, Zed Sesilga, ha affermato che la polizia australiana di stanza a Tonga ha inviato un rapporto “piuttosto allarmante”.

Il ministro ha annunciato che “strade e alcune case sono state gravemente danneggiate”, ma “la buona notizia (…) è che l’aeroporto non ha subito gravi danni”.

“È molto, molto importante perché una volta che la nuvola di cenere sarà svanita, saremo in grado di inviare voli umanitari a Tonga”, ha aggiunto.

“Dalla mancanza di informazioni che abbiamo, la portata della devastazione può essere enorme, soprattutto per le isole più isolate”, ha affermato Katie Greenwood della Federazione Internazionale della Croce Rossa.

Viste mozzafiato riprese dallo spazio alla fine della scorsa settimana mostrano i tempi dell’eruzione del vulcano Honga Tonga Hung Hapai, su una delle isole Tonga disabitate: un enorme fungo di fumo e cenere alto 30 km, subito seguito dall’inizio di uno tsunami.

Onde alte 1,2 m hanno spazzato Nuku’alofa, mentre i residenti sono fuggiti su un terreno più elevato, lasciando dietro di sé case allagate, rocce e cenere che cadevano dal cielo.

READ  Francia: il presidente Macron nella lista dei potenziali bersagli dello spyware Pegasus

“È stata una grande esplosione”, ha detto Meri Taufa, residente a Tonga, al sito di notizie Stuff. “Il terreno ha tremato, l’intera casa ha tremato. È arrivato a ondate. Mio fratello minore pensava che delle bombe stessero esplodendo vicino a casa nostra”. Dopo pochi minuti, l’acqua ha invaso la loro casa fino al soffitto.

“Direi che siamo preoccupati, non abbiamo paura”, ha detto il ministro della Comunità di Auckland Tonga Kennedy Maikava Vakanana Ki Fuwalu.

“Speriamo che stiano tutti bene”, ha detto all’AFP.

Potrebbero essere necessarie fino a due settimane per riparare il cavo da cui dipende Tonga Telecom, ha affermato Dean Veverka, direttore delle reti di Southern Cross Cable. “La nave posacavi più vicina si trova a Port Moresby, la capitale della Papua Nuova Guinea, a più di 4.000 chilometri da Tonga,

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.