Le donne incinte hanno il 44% di probabilità in più di abortire in estate

Secondo un nuovo studio, le donne incinte hanno maggiori probabilità di abortire in estate.

Ogni anno in Francia si verificano 23 milioni di aborti. Ricordiamo che un aborto spontaneo è caratterizzato dall’interruzione spontanea di una gravidanza che si verifica durante i primi cinque mesi di gravidanza. Questi di solito appaiono come sanguinamento vaginale e dolore nell’addome inferiore. Un team di ricercatori della Boston University School of Public Health (USA) lo ha appena notato da un nuovo studio pubblicato nel Giornale di Epidemiologia Il rischio di aborto spontaneo era maggiore in estate.

Aumento del rischio di aborto spontaneo durante l’estate

Per raggiungere questa conclusione, i ricercatori hanno analizzato i dati di 6.104 donne americane che hanno fornito informazioni sulla loro perdita di gravidanza. Questo studio di otto anni è stato condotto per confrontare il numero di aborti spontanei tra diversi mesi dell’anno.

I risultati mostrano che il rischio era Aumento del 44% durante i mesi estiviSoprattutto a fine agosto. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che il rischio era aumentato per le donne che vivevano negli stati più caldi degli Stati Uniti.

Un disturbo causato dall’alta temperatura che colpisce sempre più donne in gravidanza

La dott.ssa Amelia Weslink, leader dello studio e professore associato di epidemiologia presso BUSPH, osserva in privato che “ogni volta che si vede una differenza stagionale nel risultato, può darti indizi sulle ragioni di tale scoperta”.

In seguito ha affermato che lei e il suo team hanno scoperto che “il rischio di aborto spontaneo, in particolare il rischio di aborto spontaneo precoce prima delle otto settimane di gravidanza, era maggiore in estate. Ora dobbiamo approfondire questo aspetto per capire quali tipi di esposizioni sono più prevalenti in estate, e quale di queste esposizioni può essere responsabile dell’aumento.” rischio di aborto spontaneo.

READ  Scienza: dedicare ore intere a scrutare i confini dell'universo

Inoltre, Amelia Weslink ricorda che studi precedenti hanno anche indicato che il calore è anche associato a un aumentato rischio di “parto prematuro, basso peso alla nascita e natimortalità”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.