L’attentato al Campidoglio: la lista dei documenti che Trump vuole rivelare

Un verbale giudiziario, pubblicato sabato, ha rivelato i dettagli dei documenti relativi all’attacco a Capitol Hill, che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha intentato una causa, cerca di nascondere.

• Leggi anche: Indagine sull’attacco al Campidoglio: una misteriosa unità di crisi in un hotel di lusso nel mezzo delle indagini

• Leggi anche: Il social network di Trump ha trovato un host web

Il miliardario ha intrapreso un’azione legale per bloccare la pubblicazione dei documenti della Casa Bianca relativi all’attacco dei suoi sostenitori a Capitol Hill il 6 gennaio, per bloccare la commissione parlamentare che indaga sul suo ruolo. Donald Trump ha protestato contro il diritto del ramo esecutivo di mantenere riservate determinate informazioni.

Tra le centinaia di pagine di documenti che non vuole rivelare c’è l’agenda quotidiana della Casa Bianca, che elenca le azioni del presidente, come i suoi incontri o telefonate, secondo John Luster, capo dei documenti presidenziali. Archivi contenuti nel fascicolo giudiziario.

Documenti di diversi collaboratori

L’elenco include anche i documenti di diversi suoi aiutanti, come l’ex portavoce Kayleigh McEnany, il consigliere Stephen Miller o Mark Meadows, il suo ultimo capo di gabinetto e una delle persone richieste dall’ex presidente. Ha ignorato le citazioni in giudizio per comparire davanti alla commissione d’inchiesta.

Funzionari eletti negli Stati Uniti si sono espressi la scorsa settimana a favore del perseguimento di un altro stretto alleato di Donald Trump, Steve Bannon, che si è rifiutato di partecipare a queste indagini.

Secondo il deposito del tribunale, Donald Trump sta anche cercando di tenere nell’ombra “bozze di discorsi, note e scambi” o “appunti scritti a mano” il 6 gennaio, o un memorandum su un “potenziale processo” contro diversi stati che Joe Biden ha vinto nelle elezioni presidenziali del novembre 2020.

READ  I polpi hanno probabilmente sogni, ma non sono sogni molto lunghi

Il 6 gennaio, migliaia di sostenitori del presidente repubblicano hanno preso d’assalto il parlamento degli Stati Uniti, nel tentativo di bloccare la vittoria elettorale del democratico Joe Biden.

All’inizio della giornata, Donald Trump si è rivolto a una folla a poche centinaia di metri di distanza, sostenendo – inutilmente – che le elezioni gli erano state rubate.

La Commissione parlamentare d’inchiesta sta cercando testimonianze di funzionari che possano discutere ciò che il presidente sapeva dell’aggressione prima che accadesse e cosa avesse fatto quando si è verificato l’incidente.

Il processo di Donald Trump per mantenere segreti questi documenti dovrebbe portare a una prova di forza nei tribunali che potrebbe mettere alla prova l’autorità costituzionale del Congresso per rivedere le azioni del ramo esecutivo dell’autorità.

Da vedere anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *