L’attacco al Campidoglio sembra essere stato sempre più pianificato

Il 19 dicembre, un parrucchiere di Beverly Hills ha risposto a un tweet di Donald Trump che invitava milioni di abbonati a una “grande protesta” a Washington il 6 gennaio. Ha aggiunto: “Dai, sarà da pazzi!”

“Ci saremo”, ha promesso Gina Pisignano.

Nel frattempo, due leader del gruppo ultranazionalista Proud Boys stavano progettando il 6 gennaio.

Dalla sua casa nello stato di Washington (nord-ovest), Ethan Nordian ha chiesto fondi per l’acquisto di attrezzature di protezione e comunicazione, mentre in Florida, Enrique Tario in un podcast ha invitato i suoi sostenitori a vestirsi di nero e ha chiesto loro di prepararsi per la battaglia.

“È pericoloso”, ha detto Tario. “Siamo in guerra.”

All’inizio del processo di impeachment dell’ex presidente Donald Trump, le testimonianze e le testimonianze raccolte dal sistema giudiziario statunitense mostrano che l’assalto era premeditato.

Tra le fila dei “ragazzi orgogliosi”, all’interno delle milizie antigovernative guardie del giuramento, tra i seguaci del movimento per la legge del complotto e tra i sostenitori di Donald Trump, il messaggio era chiaro settimane fa: il presidente ha bisogno di te per impedire Congresso per aver assistito alla vittoria elettorale di Joe Biden.

“Si surriscalda”

Dopo il tweet di Donald Trump, molti lealisti dell’ex presidente hanno annunciato che stavano progettando di visitare Washington. Alcuni volevano solo partecipare a una recente protesta pro-Trump, ma altri hanno detto di voler impedire l’approvazione del ballottaggio e punire i “traditori” del Congresso.

Decine di loro si sono dotati di elmetti da combattimento, pistole stordenti Taser, giubbotti antiproiettile e aerosol antiaggressione. Alcuni di loro portavano fucili.

Il giorno prima, bombe fatte in casa sono state piazzate davanti a due edifici vicino al Campidoglio. Le bombe non sono mai esplose e potrebbero essere state concepite per allontanare la polizia dal Campidoglio poco prima dell’attacco.

READ  Preso sette giorni nella neve grazie al Global Positioning System (GPS)

Secondo i documenti del tribunale, i più organizzati sono i Proud Boyz Militia e le Section Guards, composti da ex militari ed ex poliziotti.

Alla fine di dicembre, Thomas Caldwell, descritto come il “comandante” delle guardie del dipartimento, a Perryville, 100 chilometri a ovest di Washington, ha invitato i suoi sostenitori a unirsi a lui alla periferia della capitale americana per un incontro preparatorio.

“Lascia che provino a credere a queste sciocchezze a Capitol Hill quando ci sono un milione di patrioti per le strade”, ha scritto su Facebook. “Si surriscalderà.”

“Devi colpirli e schiacciarli”, ha aggiunto.

Attaccando il Campidoglio

A Bridgeville, in Pennsylvania, anche il cospiratore pro-law e orgoglioso ragazzo membro Kenneth Grayson, 51 anni, si stava preparando.

Il 23 dicembre, secondo documenti legali, ha mandato un messaggio alla sua famiglia e ai suoi amici: “Sono qui se Trump ci chiede di attaccare queste follie del Campidoglio”. (…) Non ruberanno questa elezione “.

Il 29 dicembre, William Calhoun, un avvocato georgiano, ha dichiarato su Facebook che una presenza fisica a Washington il 6 gennaio “è stata di grande importanza”.

“Noi, il popolo, non abbiamo altre opzioni realistiche per esprimere la nostra intenzione di chiedere elezioni eque ora e in futuro. Altrimenti …” ha avvertito.

Una settimana dopo, ha annunciato che era in viaggio per Washington “per informarli che questa è la loro ultima possibilità” per correggere la frode. Altrimenti, dovranno affrontare problemi più grandi “.

“Ce l’abbiamo fatta!”

La mattina del 6 gennaio, Ronnie Sandlin di Memphis, Tennessee (sud) e Nathan Degreve di Las Vegas (ovest) hanno realizzato un video dei loro progetti.

“Penso che sia giunto il momento di prendere il Campidoglio, e non lo sto dicendo alla leggera”, ha detto il signor Sandlin. “Se dovessimo occupare il Campidoglio, occuperemmo il Campidoglio. Tutto verrà mostrato alle 13:00.”

READ  In Danimarca sono aumentate le polemiche sul piano di espellere i siriani da Damasco

Dopo l’attacco, i rivoltosi si sono ripresi per chiedere la vittoria e hanno pubblicato i video su Facebook.

“Oggi noi, il popolo americano, abbiamo dimostrato di avere il potere”, ha detto l’avvocato William Calhoun.

Due dei Broad Boys, Nicholas Och, dalle Hawaii, e Nicholas DiCarlo, dal Texas, trasmettono video in diretta dal Campidoglio.

“Siamo venuti per prevenire il furto”, ha detto Och.

“Questo è ciò per cui sei venuto. Lo abbiamo fatto!”, Ha aggiunto Nicolas DiCarlo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *