La traduzione della poesia di Amanda Gorman è controversa

(Parigi) La poetessa Amanda Gorman fece scalpore durante l’inaugurazione di Biden negli Stati Uniti. In Europa, la traduzione delle sue poesie è stata al centro di una controversia che ha messo in luce tensioni etniche in qualche misura sconosciute nel mondo letterario.


Hugues HONORÉ con uffici AFP in tutto il mondo
France Media

“Superiamo le divisioni perché sappiamo che per mettere al primo posto il nostro futuro, dobbiamo prima mettere da parte le nostre differenze”, ha scritto nel suo articolo. La collina che scaliamo.

Pubblicata di recente negli Stati Uniti, questa poesia, influenzata dall’attacco al Campidoglio, è stata recitata quando il nuovo presidente americano si è insediato, rendendo il suo autore, a 23 anni, un fenomeno.

Un messaggio di unità intrecciato è arrivato dall’altra parte dell’Atlantico, dove abbiamo discusso principalmente … del colore della pelle dei traduttori. Dovrebbero essere neri? Non era questo il momento di iniettare più diversità in un mondo letterario così bianco?

In Olanda, la giornalista e attivista Janice Deol ha pubblicato alla fine di febbraio una colonna infiammatoria su De Volkskrant: “White Translator of Amanda Gorman’s Poetry: Unthinkable”.

Una settimana dopo, il traduttore preoccupato Marek Lucas Reinfeld si è dimesso. Gli editori di Meulenhoff si sono quindi scusati: “Abbiamo perso una grande opportunità di offrire uno stage a una giovane donna di colore nei Paesi Bassi e in Belgio. [néerlandophone] Non traducendo il suo lavoro. ”

“Profilo diverso”

L’incidente ha fatto arrabbiare la traduttrice spagnola, Nuria Barrios (Lumen Editions, pubblicata l’8 aprile). “È il trionfo del discorso sull’identità di fronte alla libertà creativa”, ha scritto in El Pais.

READ  Tsunami | Il Giappone festeggia i dieci anni dal disastro

Perché la controversia era viva in Spagna. Il traduttore catalano, Victor Opiols, è stato contestato all’inizio di marzo dal suo editore. “Stavano cercando un profilo diverso, una foto di una donna, giovane donna, attivista, preferibilmente nera”, ha spiegato. L’editore, Univers, non sta parlando del suo “piano B”: a Barcellona i lettori aspetteranno.

Lo stesso a Parigi, dove Fayard prevede di pubblicarlo il 19 maggio, sotto il titolo La collina che scaliamo. La traduttrice è la cantante belga-congolese Luce Walakuza, la cui prima esperienza è stata in questo campo.

In svedese, è anche un cantante, ma è un ragazzo che è rimasto bloccato con la canzone “Berget vi bestiger” (che Polaris pubblica ha pubblicato martedì). Per Jason Diakite, Timbuktu sulla scena, nato da genitori americani, la poesia “ha un sacco di rime, quindi suona davvero come una sceneggiatura rap”. Ha detto su SVT TV.

“Fallito” in lingua tedesca

In tedesco, Sulla collina È stato pubblicato lo stesso giorno degli Stati Uniti, dalle edizioni Hoffmann e Campe. Ma secondo il quotidiano austriaco Der Standard, una traduzione “fallita” abusa dei “caratteri stilistici o delle immagini forti” dell’originale.

Tre donne lavoravano lì. Tra loro, “Hadeja Haruna-Ulker, nera, e Cobra Gumusai, di origine turca, è meno attiva nel campo letterario e giornalistico che nel femminismo e nell’antirazzismo”, ha anche espresso il suo rammarico nel quotidiano viennese.

Il mistero circonda il nome del traduttore finlandese. L’editore Saara Tiuranemi ha rivelato a Helsingin Sanomat il 4 marzo: “Abbiamo inviato le nostre proposte ai traduttori all’autore e al suo agente e siamo in attesa di una risposta”. Per lei, questo processo “non è normale”.

READ  Giordania: il principe Hamzah dice che non obbedirà agli "ordini" (registrazione)

In italiano, l’editore Garzanti ha mantenuto il titolo inglese, “The Hill We Climb”, e ha scelto, probabilmente con l’approvazione di Amanda Gorman, la giovane (bianca) traduttrice Francesca Spinelli. Ha detto a Il Libraio di aver cercato di ignorare la polemica in Olanda, “un dibattito acceso e un po ‘confuso in cui tutti dicevano quello che pensavano, spesso senza parlare della stessa cosa”.

L’editore ungherese Open Books Publisher ha lanciato un progetto originale: la traduzione, sotto la direzione della scrittrice Kriszta Bódis, è realizzata in collaborazione con i giovani romani nell’ambito di un laboratorio letterario. Non sappiamo quando finirà.

Al di fuori dell’Europa, sono previste poche traduzioni. Nel Canada francofono, ad esempio, in questo momento siamo soddisfatti di leggere American Woman nella sua lingua.

In Brasile la scelta è ricaduta su Stephanie Borges, giornalista nera, poetessa e traduttrice. “E ‘una discussione della massima importanza: speriamo che continui a portare più rappresentanza nel mondo letterario”, ha detto all’Afp Talitha Peresi, responsabile dei giovani per i diritti stranieri nelle edizioni INTERSICA.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *