La sorella della guida suprema dell’Iran denuncia il regime “autoritario”.

La sorella della guida suprema della Repubblica islamica dell’Iran ha denunciato il regime “autoritario” e ha sostenuto il movimento di protesta scoppiato circa tre mesi fa con la morte della giovane, Mohsa Amini.

• Leggi anche: Iran: arrestare “terroristi” legati ai Paesi europei

• Leggi anche: In Iran, gli attivisti sospettano che la polizia morale sarà abolita

• Leggi anche: Washington dice che non c’è “nulla che indichi” che la condizione delle donne in Iran migliorerà

“Mi oppongo alle azioni di mio fratello”, ha scritto Badri Hosseini Khamenei in un messaggio pubblicato su Internet mercoledì da suo figlio, che risiede in Francia, Mahmoud Moradkhani.

“Esprimo il mio cordoglio alle madri che piangono per i crimini commessi dal regime della Repubblica islamica dai tempi di (il suo fondatore, l’Ayatollah Ruhollah) Khomeini all’attuale periodo della successione tirannica di Ali Khamenei”, continua Hosseini Khamenei, che è detto di essere in Iran.

L’Iran è teatro di proteste dalla morte, avvenuta il 16 settembre, di Mohsa Amini, una curda iraniana di 22 anni arrestata tre giorni prima e accusata di non rispettare un codice di abbigliamento che imponeva alle donne di indossare il velo in pubblico .

Le immagini del leader supremo sono state bruciate, le donne hanno marciato per le strade senza veli e i manifestanti hanno sfidato le forze di sicurezza.

La repressione del movimento ha causato la morte di almeno 448 persone, secondo l’ONG per i diritti umani con sede a Oslo.

Le autorità hanno arrestato migliaia di persone, 11 delle quali sono state condannate a morte in processi legati alle proteste.

READ  È morta sull'aereo. La sua famiglia trascorre 8 ore accanto ai suoi resti

L’ayatollah Ali Khamenei, 83 anni, ha accusato gli Stati Uniti, l’arcinemico dell’Iran, ei suoi alleati come Israele di incoraggiare “rivolte” nel paese.

“La mia preoccupazione è sempre stata e sempre sarà il popolo iraniano, in particolare le donne”, ha continuato Hosseini nella sua lettera, accusando il regime di “non portare altro che sofferenza e oppressione (…) agli iraniani”.

La sorella dell’Ayatollah Khamenei ha detto: “Il popolo iraniano merita libertà e prosperità, e la sua rivolta è legittima e necessaria per far valere i propri diritti”, e ha sperato che “questo potere autoritario in Iran venga rovesciato”.

Adducendo problemi di salute che le impediscono di partecipare alle proteste, ha attaccato il fratello, che “non ascolta le voci della gente”.

Ha anche invitato il potente Corpo delle Guardie rivoluzionarie, l’esercito ideologico della Repubblica islamica, a “unirsi al popolo prima che sia troppo tardi”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.