La soglia di 1,5°C di riscaldamento globale potrebbe essere superata in 7 anni

La soglia di 1,5°C di riscaldamento globale potrebbe essere superata in 7 anni

Gli scienziati del Global Carbon Project hanno avvertito martedì che è “ormai inevitabile” che la soglia di 1,5°C del riscaldamento globale venga superata “continuamente per molti anni”, e c’è una possibilità su due che ciò accada in soli sette anni. . , che invitano all’azione.

Secondo questo studio di base presentato all’incontro delle Nazioni Unite sul clima a Dubai, si prevede che le emissioni di anidride carbonica derivanti dall’uso di carbone, gas e petrolio aumenteranno in tutto il mondo per il riscaldamento, l’illuminazione o la guida, e si prevede che stabiliranno un nuovo record nel 2023.

Nel 2015, con il Trattato di Parigi, i leader mondiali si sono posti l’obiettivo di non superare i +1,5°C per evitare ondate di caldo ricorrenti e cambiamenti profondi, anche irreversibili, della natura causati dall’azione umana.

Il climatologo britannico Pierre Friedlingstein, che ha supervisionato lo studio al quale hanno partecipato 150 ricercatori da tutto il mondo, conferma che “i leader riuniti alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) dovranno concordare una rapida riduzione delle emissioni di combustibili fossili, anche per mantenere l’obiettivo.” Due gradi Celsius.

Tuttavia, “le azioni per ridurre le emissioni di carbonio derivanti dai combustibili fossili sono ancora troppo lente”, critica lo scienziato. Ha aggiunto: “Il tempo rimanente tra oggi e la soglia di +1,5 gradi Celsius si sta riducendo alla massima velocità e dobbiamo agire ora”.

L’anno scorso, questi scienziati hanno stimato che questo livello critico di aumento di 1,5 gradi Celsius sarebbe diventato effettivo entro nove anni.

Nel dettaglio, lo studio stima che il totale delle emissioni globali di anidride carbonica immesse nell’atmosfera nel 2023 raggiungerà i 40,9 miliardi di tonnellate (GtCO2).

READ  La guerra tra Israele e Hamas: scene orribili nel cuore di Gaza

I ricercatori sottolineano che questo valore è quattro volte superiore a quello del 1960 e che la curva delle emissioni, invece di scendere, ha raggiunto un livello costante per dieci anni.

La deforestazione, soprattutto in Brasile, Repubblica Democratica del Congo e Indonesia, gioca un ruolo, ma resta insignificante rispetto all’utilizzo di combustibili fossili e cemento che resta fuori controllo, con 36,8 gigatonnellate di CO2 (+1,1% rispetto al 2022) ).

In 26 paesi, che rappresentano il 28% delle emissioni globali, sono stati compiuti sforzi per ridurre le emissioni legate ai combustibili fossili (-7,4% nell’UE, -3% negli Stati Uniti), ma questo non è sufficiente, dice. lo studio.

Lo studio conferma che la ripresa del trasporto aereo internazionale ha fatto sì che le emissioni di questo settore aumentassero del 28,2% quest’anno, dopo già due anni di recupero.

L’inquinante numero 1, il carbone, è ancora ampiamente utilizzato e si prevede che le emissioni associate aumenteranno quest’anno (+1,1%). Il suo utilizzo è aumentato, soprattutto in Cina e India, ma anche in altre parti del mondo. I prezzi del gas hanno subito un forte calo nell’Unione Europea e negli Stati Uniti, che tuttavia lo sostituiscono con il gas.

Lo stesso vale per il petrolio (32% delle emissioni globali contro il 41% del carbone), le cui emissioni sono previste in aumento nel 2023 (+1,5%), trainate da Cina e India, a fronte di un leggero calo altrove. Per il gas l’andamento è lo stesso (+0,5%), così come per il cemento (+0,8%).

Il principale gas serra, l’anidride carbonica emessa quando bruciamo gas, petrolio o carbone o quando costruiamo, impiega decenni per dissiparsi. Il loro accumulo è la causa principale del riscaldamento globale.

READ  La guerra in Ucraina | Putin "non ha fretta" di porre fine alla sua campagna militare

L’India, uno dei principali utilizzatori di centrali elettriche a carbone per soddisfare la crescita della domanda di elettricità, è il terzo produttore di emissioni al mondo dal 2022, molto dietro a Cina e Stati Uniti, ma davanti all’Unione Europea. Si prevede che le sue emissioni aumenteranno di oltre l’8% quest’anno rispetto al 2022, più che in Cina (+4%).

In termini di popolazione – l’India quest’anno è diventata il paese più popoloso del mondo, con 1,425 miliardi di persone – ma le emissioni indiane sono sette volte inferiori a quelle americane e tre volte inferiori a quelle europee, indica lo studio.

“Se tutti cominciassero a emettere tanto quanto gli americani, non ne usciremo”, dice il fisico francese Philippe Sieyès, e ci dirigeremmo “verso un riscaldamento di 4 gradi Celsius”.

Il 2024 sembra già destinato a essere un anno buio per il riscaldamento globale, con il fenomeno meteorologico El Niño che emerge sull’Oceano Pacifico, minacciando di danneggiare le piante, di cui l’umanità ha bisogno per assorbire parte delle sue emissioni di carbonio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *