La Russia convoca l’ambasciatore americano per “tentativi di interferenza”

La Russia convoca l’ambasciatore americano per “tentativi di interferenza”

Giovedì la Russia ha convocato l'ambasciatore americano a Mosca, Lynn Tracy, per denunciare quelli che Mosca considera “tentativi di interferenza” da parte delle organizzazioni non governative americane nei suoi affari interni, una settimana prima delle elezioni presidenziali.

Il Ministero degli Esteri russo ha dichiarato in una nota che durante questa chiamata “è stato particolarmente sottolineato che i tentativi di interferire negli affari interni della Russia (…) saranno fermamente e risolutamente repressi”.

Mosca accusa tre organizzazioni non governative americane specializzate nell’istruzione di “attuare programmi e progetti con un orientamento anti-russo con il sostegno dell’ambasciata” e di cercare di “reclutare agenti influenti con il pretesto di scambi educativi e culturali”.

Il ministero ha inoltre osservato che queste tre ONG, tra cui l’American Council on International Education e l’Institute of International Education, sono state dichiarate “indesiderabili” in Russia.

“All'ambasciatrice è stata consegnata una nota ufficiale che le chiede di sospendere tutti gli aiuti alle attività di queste organizzazioni non governative”, ha affermato il ministero, accusato anche di “promuovere posizioni e valori estranei alla società russa”.

Mosca ha anche messo in guardia Tracy da qualsiasi “atto di sabotaggio e diffusione di disinformazione” in vista delle elezioni presidenziali previste dal 15 al 17 marzo, che dovrebbero vedere la rielezione di Vladimir Putin a causa della mancanza di una reale opposizione.

Il ministero ha minacciato di espulsione i dipendenti dell'ambasciata americana se fossero stati “coinvolti in tali azioni”.

READ  L'iceberg più grande del mondo si sta muovendo per la prima volta dopo decenni

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *