La profanazione del Corano in Svezia: proteste in Iraq, Iran e Libano

La profanazione del Corano in Svezia: proteste in Iraq, Iran e Libano

Venerdì i manifestanti sono scesi in piazza in Iraq, Iran e Libano per denunciare il permesso della Svezia a manifestazioni per dissacrare il Corano, mentre Stoccolma rimandava il personale dell’ambasciata a Baghdad.

• Leggi anche: La Svezia restituisce temporaneamente la sua ambasciata dall’Iraq a Stoccolma

• Leggi anche: L’Iraq ordina la deportazione dell’ambasciatore svedese

• Leggi anche: L’ambasciata svedese a Baghdad prende fuoco durante una protesta

Alla chiamata dell’influente leader religioso iracheno Muqtada al-Sadr, in centinaia hanno manifestato a Baghdad dopo la preghiera del venerdì, ma anche nelle città di Nassiriyah e Najaf, cantando “No, no alla Svezia”, ​​secondo i fotografi dell’AFP.

Il Ministero degli Affari Esteri svedese ha annunciato di aver trasferito temporaneamente le operazioni e il personale della sua ambasciata a Baghdad, bruciata il giorno prima dai sostenitori di Muqtada al-Sadr.

A Teheran, centinaia di manifestanti sventolando bandiere iraniane e copie del Sacro Corano hanno cantato “Abbasso gli Stati Uniti, il Regno Unito, Israele e la Svezia”, ​​mentre alcuni hanno dato fuoco alla bandiera svedese blu e gialla.

Centinaia di persone si sono radunate anche in Libano davanti alle moschee nella periferia sud di Beirut, roccaforte di Hezbollah, e in altre città.

E a Badgad, i fedeli si sono riuniti in una strada nel quartiere povero di Sadr City e hanno cantato “Sì, sì all’Islam”, “Sì, sì all’Iraq”, sventolando copie del Corano e immagini di Muqtada al-Sadr, secondo un corrispondente dell’AFP.

I manifestanti hanno dato fuoco alle bandiere arcobaleno, e Muqtada al-Sadr lo ha visto come un modo per far arrabbiare gli occidentali e condannare il “doppio standard” che, secondo lui, consiste nel difendere le minoranze Lgbt consentendo la profanazione del Corano.

READ  La guerra in Ucraina | Trudeau afferma che i referendum russi sono "molto preoccupanti"

“Attraverso questa manifestazione, vogliamo inviare la nostra voce alle Nazioni Unite, per ottenere la punizione di ogni profanazione dei libri sacri, quelli dell’islam, del cristianesimo e dell’ebraismo, questi sono tutti libri sacri”, conferma Amer Shamal, funzionario della municipalità di Sadr City.

Crisi diplomatica

Stoccolma è stata teatro di due violazioni del Corano alla fine di giugno e poi il 20 luglio organizzate da un rifugiato iracheno. Giovedì è salito e ha strappato una copia del libro, ma non è riuscito ad accenderlo come previsto.

La polizia svedese aveva consentito questi raduni in nome della libertà di riunione, affermando che ciò non equivaleva a perdonare ciò che sarebbe accaduto lì.

Queste iniziative hanno però provocato una grave crisi diplomatica tra Svezia e Iraq, che giovedì hanno emesso un decreto di espulsione dell’ambasciatore svedese.

I sostenitori di Muqtada al-Sadr hanno preso d’assalto due volte anche l’ambasciata svedese a Baghdad, che è stata incendiata giovedì.

“Le operazioni dell’ambasciata e il personale straniero sono stati temporaneamente trasferiti a Stoccolma per motivi di sicurezza”, ha detto il diplomatico svedese.

L’Arabia Saudita e l’Iran, due pesi massimi regionali, hanno convocato i rappresentanti delle missioni diplomatiche svedesi nei loro paesi.

“avvertimento”

Muqtada al-Sadr, un fan delle esplosioni, ha dimostrato molte volte la sua capacità di mobilitare migliaia di manifestanti per le strade dell’Iraq.

Nell’estate del 2022, i suoi sostenitori hanno preso d’assalto il parlamento di Baghdad e organizzato un sit-in. Muqtada al-Sadr era all’epoca nel bel mezzo di uno scontro con il campo politico dell’opposizione sulla nomina di un primo ministro. Il faccia a faccia si è trasformato in sanguinosi scontri con l’esercito e con le ex forze paramilitari filo-iraniane delle Forze di mobilitazione popolare nel cuore di Baghdad.

READ  Iran | Inizia il processo al diplomatico europeo svedese

Con il dossier svedese, Muqtada al-Sadr invia “messaggi ai suoi fan” e “avvertimenti” ai suoi “avversari politici”: “Ho mantenuto la stessa forza, posso tornare in qualsiasi momento”, ha detto l’analista politico Ali al-Baydar.

Il suo movimento cerca anche di “essere visto come uno sponsor del dossier religioso in Iraq”, e lo conferma, dando alla questione una “portata internazionale”.

“Come questo verrà sfruttato politicamente, o sfruttato a fini elettorali, dipenderà dalla volontà di Sadr”, aggiunge, riferendosi alle cruciali elezioni provinciali previste per dicembre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *