La paura è più che un danno dopo un forte terremoto in Giappone

Il Giappone ha sperimentato un grande orrore da sabato sera a domenica dopo un terremoto di magnitudo 7,3 al largo di Fukushima (nord-est), ma domenica mattina non sono stati segnalati morti o danni materiali significativi.

Leggi anche: Terremoto di magnitudo 7.3 al largo del Giappone, nessun allarme tsunami

Non ha causato uno tsunami, ma è stato seguito da diverse scosse di assestamento durante la notte, lasciando 74 feriti, secondo la National Disaster and Disaster Management Agency, mentre molti media ne contano un centinaio.

Mentre quasi un milione di case sono state interrotte dopo il primo terremoto che ha colpito sabato dopo le 23:00, ora locale, domenica mattina l’elettricità è stata ripristinata quasi al 100%.

Non sono state rilevate anomalie nelle centrali nucleari delle zone colpite, le stesse che hanno colpito l’11 marzo 2011 da un terremoto di magnitudo 9 accompagnato da un gigantesco tsunami che ha provocato 18mila morti e dispersi e gravemente danneggiato la centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

Il principale danno fisico visibile al momento è stato la frana che ha danneggiato un’autostrada nella prefettura di Fukushima.

Le linee ferroviarie ad alta velocità (Shinkansen) nel nord del Giappone sono state sospese domenica, che è un buon momento per verificare lo stato delle loro infrastrutture.

L’Agenzia meteorologica giapponese (JMA) ha inizialmente stimato la forza del terremoto a 7.1, prima di regolarlo poche ore dopo.

Secondo la JMA, questa sarà una scossa di assestamento lontana del terremoto record dell’11 marzo 2011.

Le autorità giapponesi hanno esortato i residenti a “stare molto attenti”, avvertendo della possibilità di ulteriori scosse di assestamento nei prossimi giorni e che il rischio di smottamenti aumenterà con le piogge previste per lunedì nella regione.

READ  Biden promette che la Russia non può "violare" i diritti umani

Domenica il governo ha continuato a valutare la perdita di vite umane. Il portavoce del governo Katsunobu Kato ha detto che i membri delle forze di autodifesa giapponesi sono stati inviati nelle aree colpite per distribuire l’acqua, tra le altre cose, poiché circa 4.800 famiglie non potevano più avere accesso all’acqua corrente.

Kato ha aggiunto che più di 250 persone si sono rifugiate nei centri di evacuazione durante la notte, ma la maggior parte di loro è ora tornata a casa.

L’epicentro si trova a 60 chilometri di profondità nell’Oceano Pacifico e circa 60 chilometri al largo della costa di Fukushima, secondo il JMA.

“Ero a casa (…).” Lo shock è stato così forte che avevo davvero paura per la mia sicurezza “, ha detto ad AFP domenica Masami Nakai, un funzionario municipale della cittadina di Soma, nella prefettura di Fukushima.

Situato all’incrocio di molte grandi placche tettoniche, il Giappone è regolarmente colpito dai terremoti e ha standard di costruzione rigorosi in modo che i suoi edifici possano resistere a forti urti.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *