La Palestina rilancia le procedure per l’adesione alle Nazioni Unite

La Palestina rilancia le procedure per l’adesione alle Nazioni Unite

(Nazioni Unite) Martedì i palestinesi hanno rilanciato ufficialmente il processo per diventare uno Stato membro a pieno titolo delle Nazioni Unite, un processo dagli esiti incerti che tuttavia ritengono necessario di fronte all'assalto israeliano a Gaza.


In una lettera visionata dall’Agence France-Presse indirizzata al Segretario generale delle Nazioni Unite e inviata al Consiglio di Sicurezza, l’ambasciatore palestinese presso le Nazioni Unite, Riyad Mansour, ha annunciato, “su richiesta dei leader palestinesi”, il rilancio di tale richiesta, che risale al 2011, e invita il Consiglio ad esaminarla.” Nell'aprile 2024.”

Il diplomatico continua a ribadire che di fronte al massiccio attacco israeliano contro Gaza, in risposta all’attacco senza precedenti di Hamas del 7 ottobre, una delle priorità dei palestinesi, osservatori alle Nazioni Unite dal 2012, è quella di diventare un vero Stato membro. delle Nazioni Unite.

“È stata la comunità internazionale a decidere di creare due Stati in Palestina nel 1947”, ha dichiarato a febbraio. “È dovere della comunità internazionale, insieme al popolo palestinese, completare questo processo riconoscendo la Palestina come Stato membro”. .”

“Stiamo mobilitando quanti più paesi possibile per sostenerci in questo sforzo, e speriamo che il Consiglio di Sicurezza agisca ad aprile”, ha detto a marzo, riferendosi alla data del 18 aprile in cui è prevista la riunione del Consiglio. A livello ministeriale sulla situazione a Gaza.

“Il messaggio è stato ricevuto […] “È una questione di pace e terremo consultazioni bilaterali per determinare la via da seguire”, ha osservato ad aprile la presidenza del Consiglio di Sicurezza, presieduta da Malta.

READ  Scozia: riaprirà il caffè dove scriveva JK Rowling

Martedì i palestinesi hanno ricevuto il “sostegno” dei rappresentanti, soprattutto dei paesi arabi e dell’Organizzazione per la cooperazione islamica.

Nella lettera, visionata dall'Agence France-Presse, si legge: “Vorremmo attirare la vostra attenzione sul fatto che finora 140 Stati membri riconoscono lo Stato di Palestina”, considerando che la richiesta del 2011 è ancora pendente.

Veto americano?

Nel settembre 2011, il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha lanciato il provvedimento che chiedeva “l’adesione dello Stato di Palestina alle Nazioni Unite”, ma non è stato realizzato. I palestinesi hanno finalmente ottenuto lo status di osservatore nel novembre 2012.

Recentemente diverse capitali europee, Madrid, Londra e Parigi, hanno proposto la possibilità di studiare il riconoscimento della Palestina.

A febbraio, il presidente francese Emmanuel Macron ha considerato tale riconoscimento non più un “tabù”.

Un progetto di risoluzione presentato dalla Francia al Consiglio di Sicurezza su Gaza indica anche, all’inizio dei colloqui, “l’intenzione di accogliere lo Stato di Palestina come membro a pieno titolo delle Nazioni Unite”.

Un paese è ammesso alle Nazioni Unite con decisione dell'Assemblea Generale, a maggioranza di due terzi, ma solo dopo una raccomandazione positiva in tal senso da parte del Consiglio di Sicurezza.

Gli osservatori dubitano che la richiesta arrivi all'Assemblea generale, evidenziando il rischio che gli Stati Uniti utilizzino il loro potere di veto nel Consiglio di Sicurezza.

“Mi sembra difficile che gli Stati Uniti accettino questa proposta”, ha commentato Richard Gowan, analista dell’International Crisis Group, ricordando che ci sono voluti mesi prima che gli Stati Uniti accettassero di non bloccare una risoluzione che chiedeva un cessate il fuoco immediato a Gaza. . .

READ  L'Iran vieta le donne nelle pubblicità dopo brani "controversi".

Rifiuto di Israele

Ha detto: “Dal punto di vista di Washington, mettere all'ordine del giorno la questione di uno Stato palestinese potrebbe rendere più difficile convincere gli israeliani a cessare il fuoco”.

Il governo israeliano ha chiaramente rifiutato la soluzione dei due Stati, e a febbraio il parlamento israeliano ha votato a stragrande maggioranza contro qualsiasi “riconoscimento unilaterale di uno Stato palestinese”.

Nel 1947, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite emanò una risoluzione che divideva la Palestina, che allora era sotto mandato britannico, in due stati indipendenti, uno arabo e l’altro ebraico, e una zona internazionale intorno a Gerusalemme.

Ma la creazione di Israele fu annunciata solo il 14 maggio 1948, provocando la guerra tra il nuovo Stato e diversi paesi arabi.

I palestinesi sanno che questo è il momento giusto per portare avanti la questione [d’adhésion à l’ONU]Richard Gowan ha sottolineato che la questione potrebbe svanire se si raggiungesse un cessate il fuoco e i membri delle Nazioni Unite si concentrassero su altre cose.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *