La musa russa contro la guerra rifiuta l’offerta di asilo di Macron

La giornalista russa Marina Ovsiannikova, devenue une égérie antiguerre après son irruption pendant un journal télévisé pro-Kremlin pour dénoncer l’offensive en Ukraine, a Refusé l’offre d’asile du président franis Emmanuel ne quitter » town.

• Leggi anche: [EN DIRECT] Il 21° giorno di guerra in Ucraina: ecco gli ultimi sviluppi

• Leggi anche: Diversi morti nel raid russo contro ucraini in fuga da Mariupol, teatro che ospita civili bombardati

• Leggi anche: Guerra in Ucraina: Putin un ‘criminale di guerra’, dice Biden

“Non voglio lasciare il nostro Paese. Sono patriota e mio figlio è più di questo. Non vogliamo partire in nessun caso, non vogliamo andare da nessuna parte”, ha detto in un’intervista alla rivista tedesca Der Spiegel in onda mercoledì sera.

Macron ha detto martedì di essere pronto a offrire “protezione consolare” alla signora Ovsiannikova, sia presso l’ambasciata che concedendole asilo.

La 43enne si è fatta un nome trasmettendo in diretta lunedì sera durante il telegiornale più seguito della Russia, su Pervy Kanal, di cui è produttrice, con uno striscione che criticava l’operazione militare di Mosca in Ucraina e denunciava la “propaganda” del media che controlla Autorità.

Dopo il suo arresto, è stata immediatamente condannata a una piccola multa e rilasciata. Tuttavia, deve ancora affrontare un processo penale punibile con lunghe pene detentive, in base alle disposizioni di una legge recentemente approvata per sopprimere qualsiasi “informazione falsa” sull’esercito russo.

È una guerra contro il popolo di mio fratello! “Nessuna persona sana di mente lo accetterebbe”, spiega la giovane donna, nata a Odessa, in Ucraina, da padre ucraino e madre russa.

READ  Trudeau teme un conflitto armato in Ucraina

La signora Ovsiannikova ritiene che il suo stratagemma “è stato soprattutto un atto pacifico: è nell’interesse della Russia e del mondo porre fine a questa guerra il prima possibile”.

Volevo anche mostrare che anche i russi sono contrari a questa guerra, cosa che non molte persone in Occidente capiscono. La maggior parte delle persone intelligenti e istruite qui sono contrarie a questa guerra, ha detto.

Nota che ha preparato il suo lavoro da sola, senza prima parlare con la sua famiglia o gli amici.

“La maggior parte delle persone che lavorano alla televisione nazionale capiscono molto bene cosa sta succedendo. Sanno molto bene che stanno facendo qualcosa di sbagliato. Non sono pubblicisti convinti, spesso tutt’altro!”, aggiunge.

“Stanno sempre lottando internamente tra il loro lavoro e la propria bussola morale (…) ma i colleghi devono sfamare le loro famiglie, sanno che nell’attuale clima politico non troveranno un altro lavoro”, spiega il giornalista che dice, “ Saeed” che molti giornalisti russi dei canali pubblici si sono dimessi nei giorni scorsi per opporsi alle restrizioni sull’informazione.

Guarda anche

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.