La marcia per la Giornata internazionale della donna è vietata in Pakistan

La marcia per la Giornata internazionale della donna è vietata in Pakistan

La manifestazione, che si sarebbe dovuta tenere in occasione della Giornata internazionale della donna l’8 marzo, è stata vietata dalle autorità della città di Lahore, nel Pakistan orientale, che riceve regolarmente forti reazioni in questo paese conservatore e patriarcale.

• Leggi anche: Sparatoria contro un posto di frontiera afghano-pakistano chiuso dai talebani

• Leggi anche: L’ex presidente pakistano Pervez Musharraf è morto all’età di 79 anni

In una lettera agli organizzatori di venerdì sera, le autorità di Lahore hanno motivato la loro decisione con “striscioni e cartelli controversi” solitamente esposti dai partecipanti al raduno – chiamato aurat – e preoccupazioni per la sicurezza.

Dal 2018, nelle principali città del Pakistan si sono svolte manifestazioni per attirare l’attenzione sui diritti delle donne.

I gruppi religiosi organizzano spesso contromanifestazioni chiamate “Haya (umiltà)” per chiedere la preservazione dei valori islamici. È stato conservato quest’anno.

È una violazione dei nostri diritti. Ciò solleva interrogativi sulla capacità dello Stato di amministrare il diritto alla libertà di riunione per entrambi i gruppi.

Gli organizzatori dell’Aurat March in Pakistan, dopo essere stati accusati dai loro detrattori di promuovere i valori occidentali e liberali e di non aver rispettato le sensibilità religiose e culturali, hanno dovuto ricorrere ad azioni legali per contrastare i tentativi di vietarla.

Durante questi incontri, gli striscioni tenuti dai partecipanti affrontano argomenti come il divorzio, le molestie sessuali o persino le mestruazioni.

Gran parte della società pakistana opera secondo un rigido codice “d’onore” che governa la vita di una donna, sia nel diritto di scegliere il marito, di avere figli o di studiare.

Ogni anno centinaia di donne vengono uccise da uomini per motivi di “onore”.

READ  'Campione' sospeso su Twitch dopo aver causato il caos in un bar per gattiمقهى

Per Amnesty International la decisione delle autorità di Lahore “costituisce una restrizione illegale e non necessaria al diritto di riunione”.

Citando problemi di sicurezza, le autorità della capitale, Islamabad, hanno indirizzato la marcia delle donne a un parco cittadino dove una donna è stata stuprata in gruppo a febbraio.

“Siamo un movimento femminista, non saremo nei parchi, ma nelle strade”, avvertono le organizzatrici in un comunicato stampa.

Nel 2020, gruppi di uomini islamisti hanno colpito a sassate le donne che partecipavano alla marcia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *