La libertà di parola fa appello alle regole della corte d’appello nel processo elettorale di Trump del 2020

La libertà di parola fa appello alle regole della corte d’appello nel processo elettorale di Trump del 2020

L’accusato Donald Trump può screditare i pubblici ministeri o i potenziali testimoni dell’accusa a piacimento? Lunedì la Corte d’Appello Federale degli Stati Uniti è apparsa propensa a reimporre restrizioni al discorso dell’ex presidente durante il processo federale a Washington.

• Leggi anche: È morta all’età di 96 anni l’ex first lady americana Rosalynn Carter

• Leggi anche: La corte del Colorado respinge la richiesta di rimuovere Trump dalle urne

Il processo federale contro il candidato repubblicano in carica alle primarie per le sue presunte manovre illegali volte a ribaltare i risultati delle elezioni del 2020 inizierà il 4 marzo 2024. Il giudice Tanya Chutkan, che presiederà il procedimento, in ottobre ha vietato qualsiasi commento pubblico di parte” prendendo di mira” pubblici ministeri, personale giudiziario e testimoni in questo caso.

Gli è stato quindi impedito di definire “pazzo” il procuratore generale Jack Smith e di “teppisti” i suoi colleghi o di attaccare pubblicamente potenziali testimoni, ma il favorito alle primarie repubblicane potrebbe continuare ad attaccare il suo successore democratico. Joe Biden e accusando la sua amministrazione di usare la giustizia per escluderlo dalla corsa alla Casa Bianca nel 2024.

I tre giudici della corte d’appello federale di Washington, di cui Trump è subentrato, hanno espresso per più di due ore dubbi sulle argomentazioni sia della difesa che dell’accusa, indicando che avrebbero potuto reintrodurre quelle restrizioni, che erano state sospese mentre il merito era in corso. deciso. Ma stringendolo notevolmente.

“C’è un equilibrio molto difficile in questo contesto”, tra la necessità di “proteggere l’integrità e la funzione conoscitiva di questo procedimento penale e l’uso del bisturi per non cambiare l’arena politica”, ha riassunto una persona. Dai giudici.

READ  La Corea del Nord interrompe le relazioni diplomatiche con la Malesia

Sotto il peso delle domande, l’avvocato di Donald Trump, John Sawyer, è rimasto fermo sulle sue posizioni, contestando quasi ogni legittimità al minimo livello di espressione del suo cliente. Ammise freddamente che tali restrizioni avrebbero dovuto essere giustificate da “prove straordinarie e conclusive, per usare un eufemismo”.

Ha detto: “C’è una sovrapposizione quasi completa tra le questioni del dossier e quelle della campagna politica”.

“Minacce e intimidazioni”

Ma uno dei querelanti, Cecil Vandevender, ha sottolineato “uno schema e una dinamica molto chiari per cui, a seguito di ripetuti attacchi personali incendiari da parte dell’imputato contro un individuo, quell’individuo è stato sottoposto a minacce e intimidazioni” da parte dei sostenitori dell’ex. -Presidente.

Tuttavia, la Corte d’appello ha espresso dubbi sulla distinzione, a suo avviso molto sottile, tra i pubblici ministeri e il Ministero della Giustizia, su cui fanno affidamento.

Ha anche messo in dubbio i criteri per determinare le dichiarazioni ammissibili di Trump su potenziali testimoni, nel caso di personaggi o funzionari che lo hanno criticato pubblicamente, come il suo ex capo dello staff o il suo ex procuratore generale.

Per illustrare la portata di queste restrizioni, il giudice Chutkan ha citato un commento in cui l’ex capo della sua rete Truth Social considerava la possibilità che il suo ultimo capo di gabinetto, Mark Meadows, testimoniasse contro di lui in cambio di un’offerta di immunità da parte di un privato. giudice. Il procuratore distrettuale Jack Smith, che sta indagando su questo caso.

Un comportamento che si addice ai “deboli e codardi”, secondo Donald Trump. Ha concluso: “Non credo che Mark Meadows sia uno di loro, ma chi lo sa?” Il giudice ha spiegato che questo tipo di attacco contro un potenziale testimone rientrerebbe sicuramente nel divieto.

READ  vediamo | Il gatto era scomparso da due anni quando si è riunito ai suoi proprietari

Le discussioni si sono concentrate anche sulla definizione precisa della parola “bersaglio”, che la difesa ha definito “vaga”.

Anche l’influente organizzazione per i diritti civili American Civil Liberties Union, che non è sospettata di simpatizzare con l’ex presidente, che ha criticato durante tutto il suo mandato, ha denunciato la decisione che “dipende interamente dal significato della parola “obiettivo”, considerandolo “ vago.”

Non si conosce la data in cui verrà emessa la decisione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *