La guerra tra Israele e Hamas: quattro mesi dopo, l’unità israeliana è fragile

La guerra tra Israele e Hamas: quattro mesi dopo, l’unità israeliana è fragile

Israele e Hamas, quattro mesi di guerra da cui nessuno è uscito indenne. Sono oltre 27mila i morti a Gaza a causa dei bombardamenti israeliani. Lo Stato ebraico ha seppellito quasi 1.200 vittime lo scorso ottobre. Da allora continua la sua lotta con determinazione per raggiungere il suo primo obiettivo di guerra: “ Eliminare Hamas Nonostante l’apparente coesione, le tensioni all’interno della società israeliana stanno riemergendo. Le priorità variano. Alcuni si battono per il ritorno degli ostaggi. Altri, soprattutto l’estrema destra, si battono per “ Riapertura “Essi desiderano” Ricolonizzazione di Gaza “.

Dal nostro corrispondente a Gerusalemme.

Ho piantato la mia tenda qui il 7 novembre per 30 giorni Un mese dopo la morte di Tom, ucciso da Hamas il 7 ottobre, suo padre Yaakov si è insediato ai piedi della Knesset, il parlamento israeliano.

Ho giurato sulla tomba di Tom che sarei andata da lui GerusalemmePianta questa tenda e resta lì finché non cadrà questo governo. Fino a quando questo governo non si assumerà le proprie responsabilità e se ne andrà “.

Cosa incolpano il loro governo Jacob, gli altri genitori nelle sue condizioni e i volontari che li sostengono?

Questo governo è responsabile del massacro del 7 ottobre. Ma si rifiuta di ammetterlo. Invito questo governo a dire chiaramente:Sì, a causa nostra sono state massacrate 1.200 persone, adulti e bambini“Questo governo non è adatto a governare, ma si aggrappa al potere a tutti i costi “, Egli ha detto. ” Non potremo restituire gli ostaggi facendo la guerra. L'ho detto pubblicamente durante la commemorazione di mio figlio: fin dall'inizio, questo governo ha rinunciato a restituire gli ostaggi. Tutti gli ostaggi sono stati rilasciati solo grazie alla mediazione di Qatar ed Egitto. Al governo non importa degli ostaggi. »

READ  Guerra in Ucraina, giorno 56 | Mariupol sta per cadere e i combattimenti si stanno intensificando a est ea sud

Ascolta anche tuTerritori Israele/Palestina: quali sono i progetti e chi sono gli uomini per il dopo conflitto a Gaza?

Alla Knesset ognuno ha le proprie priorità

Quel giorno alla Knesset i parlamentari hanno discusso la questione dell’assistenza alle vittime dei crimini sessuali commessi il 7 ottobre. Ma nel ciclo di medio termine ognuno ha le proprie priorità. Ariel Kalner, deputato del partito Likud, il partito del primo ministro Benjamin Netanyahu, è apparso alla fine dello scorso gennaio insieme a funzionari eletti e ministri di estrema destra, durante una conferenza per “ Ricolonizzazione GazaE la partenza dei palestinesi “.

Discorsi e danze infuocati, e la situazione è tragica. Più di 130 israeliani sono ancora in ostaggio. La popolazione di Gaza sta morendo a decine di migliaia. Il deputato Ariel Kalner si giustifica.

Non abbiamo fatto una festa. Era solo un evento pensato per motivarci. Questo è ciò che fanno i soldati prima di andare in battaglia “, Lui dice. “ I nostri soldati si aspettano che siamo forti e determinati. Dopo la guerra avremo tutto il tempo per elaborare il lutto “.

I leader politici erano divisi

All'evento, organizzato da un movimento di estrema destra che chiedeva l'espansione delle colonie ebraiche, parteciparono in totale undici ministri e quindici deputati. Il primo ministro Benjamin Netanyahu lo ha detto chiaramente: Non ci sarà alcuna ricolonizzazione di Gaza, né alcuno spostamento della sua popolazione palestinese. »

Questa è l'opinione del primo ministro. È il capo dello Stato e lo rispetto. Ma ho il diritto di esprimere la mia opinione. E lo faccio “, insiste Ariel Kalner.

La divisione tra i leader politici israeliani è un riflesso delle divisioni che emergono all’interno della società mentre la guerra a Gaza continua.

READ  La guerra in Ucraina | Kiev annuncia l'arrivo dei lanciamissili statunitensi

Leggi ancheGoverno Netanyahu: come può l'estrema destra israeliana imporre la sua agenda?

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *