La guerra in Ucraina | Intensi negoziati per riaprire i porti del Mar Nero

(Ginevra) Il Coordinatore delle Nazioni Unite in Ucraina ha confermato che le Nazioni Unite sono impegnate in intensi e segreti negoziati per rilasciare decine di milioni di tonnellate di grano ucraino e prevenire una crisi alimentare globale, esprimendo un ottimismo molto cauto.

Inserito alle 9:55

Agnese Pedro
Agenzia media francese

La Russia, che ha invaso il suo vicino il 24 febbraio, sta chiudendo i porti ucraini sul Mar Nero, impedendo così l’esportazione di questo grano, che l’anno scorso ha sfamato 400 milioni di persone. La situazione sta diventando più urgente con l’imminente stagione del raccolto in arrivo.

Questi negoziati sono guidati in particolare dal britannico Martin Griffiths, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, e dalla costaricana Rebecca Greenspan, presidente dell’UNCTAD, l’organismo delle Nazioni Unite responsabile per il commercio e lo sviluppo, ha rivelato Amin Awad ai giornalisti a Ginevra, durante una regolare conferenza stampa online.

Finora le Nazioni Unite sono state molto silenziose su questi sforzi.

“Ci sono molti scambi tra Mosca e altri paesi che sono preoccupati, ma non credo che al momento ci sia una soluzione che si mostri molto chiaramente”, ha detto.

Venerdì il presidente senegalese Macky Sall si è recato in Russia per esortare Vladimir Putin a “rendersi conto” che i paesi africani sono “vittime” del conflitto.

Il Cremlino ha detto che il presidente russo darà una “spiegazione completa della sua visione del grano” intrappolato nei porti ucraini.

Il conflitto tra Russia e Ucraina, due superpotenze agricole che rappresentano il 30% delle esportazioni mondiali di grano, ha subito fatto salire i prezzi, che hanno già superato quelli che hanno innescato la Primavera Araba nel 2011 e le rivolte per la fame nel 2008.

READ  Criminal Trust ospitato da Credit Suisse per decenni

Le Nazioni Unite temono un “uragano di carestia”, soprattutto nei paesi africani che hanno importato più della metà del loro grano dall’Ucraina o dalla Russia.

L’Ucraina era il quarto esportatore mondiale di mais, sulla buona strada per diventare il terzo esportatore di grano, e da sola rappresentava il 50% del commercio mondiale di semi di girasole e olio prima del conflitto.

La Russia è un importante esportatore di fertilizzanti, ma Mosca lo blocca in risposta alle sanzioni internazionali.

“La Russia ha alleanze nel sud”, ha detto Amin Awad, ricordando che alcuni paesi che potrebbero soffrire più di altri per la situazione sono alleati di Mosca.

Quindi si dice “ottimista” sul fatto che gli appelli di questi paesi in via di sviluppo possano portare Mosca alla capitolazione. Potrebbe esserci un “breakout ad un certo punto”.

“Ma questi negoziati sono molto complessi e si svolgono su più fronti”, ha affermato.

“Soluzione miracolosa”

Mosca afferma che il blocco non è colpa sua, né una conseguenza della presenza della sua flotta da guerra al largo dell’Ucraina, ma a causa dell’estrazione mineraria dei porti ucraini da parte di Kiev.

Secondo le Nazioni Unite, 1,4 miliardi di persone nel mondo potrebbero essere colpite dalla carenza di grano e altri cereali.

“Quindi i porti del Mar Nero sono, per così dire, la bacchetta magica per evitare la fame e la fame nel mondo”, ha detto ai giornalisti in Ucraina Matthew Hollingworth, coordinatore delle emergenze del Programma alimentare mondiale.

Ma ha detto che senza questa soluzione miracolosa, le Nazioni Unite dovranno trovare altre soluzioni per preservare le esportazioni ucraine.

READ  Operazione contro le bande ad Haiti | Il primo ministro ammette "errori strategici"

Risolvere questa impasse richiede sostegno urgente e volontà politica. L’apertura di rotte commerciali nel Mar Nero dovrebbe rimanere la priorità. Il signor Awad ha aggiunto che la mancata apertura di questi porti porterebbe a carestie, destabilizzazione e migrazioni di massa in tutto il mondo.

Ha spiegato che lo sviluppo di soluzioni alternative per ferrovia o su strada potrebbe essere vantaggioso ma non sarebbe in grado di raggiungere i volumi del trasporto marittimo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.