La guerra in Ucraina | I combattenti russi stanno combattendo per l’Ucraina

Dolina: Il loro numero esatto è top secret, la loro posizione è inaccessibile e il loro discorso è ben provato. I russi stanno combattendo con i soldati ucraini nella regione di Donetsk (est), all’interno di un corpo molto simbolico chiamato “Libertà della Russia”.


Quando il loro portavoce “Cesare” incontra i giornalisti, di solito li porta alle rovine di un monastero ortodosso a Dolina, in un’area di cui l’esercito ucraino ha preso il controllo in autunno.

La cupola dorata in frantumi, il leone di gesso tra le rovine e l’iconografia religiosa sparsa forniscono lo sfondo perfetto per “mostrare al mondo quali sono i valori di Putin”.

“Caesar”, un bel viso con gli occhi blu acciaio, lancia frasi casalinghe, in russo e talvolta in inglese. “Non sto combattendo la Patria, sto combattendo il regime di Putin, contro la tirannia”. “Non sono un traditore. Sono un vero patriota russo “, ripete.

Creato all’inizio della guerra, il Russian Fighter Corps, il cui emblema è un pugno chiuso sormontato dalle parole “Libertà” e “Russia”, fa parte del Corpo Internazionale dei Volontari all’interno dell’Esercito ucraino.

E ha, secondo “Caesar”, “diverse centinaia” di russi, che, dopo aver ricevuto un addestramento di due mesi, si sono schierati da maggio nel Donbass, quella regione mineraria dell’Ucraina orientale che Mosca sta cercando di occupare completamente.

E i suoi uomini sono schierati in particolare a Bakhmut, uno dei punti più caldi del fronte orientale, teatro di diversi mesi di feroci combattimenti tra forze russe e ucraine.

Sono principalmente impegnati nell’artiglieria e sono sotto il comando di ufficiali ucraini.

READ  Forte terremoto 8.2 suoni di sirena

“Sono combattenti entusiasti e professionisti che stanno facendo bene il loro lavoro”, ha detto un ufficiale ucraino che ha chiesto di non essere identificato. Ha spiegato che le reclute sono state sottoposte a molti colloqui, test psicologici e persino a un rilevatore di bugie per evitare qualsiasi rischio di infiltrazione.

significato politico

Sui social network, il Russia Freedom Corps pubblica principalmente video di propaganda e afferma di aver ricevuto migliaia di candidature.

“Prendono parte alla guerra, ma non hanno molta influenza a causa del loro piccolo numero”, ha detto l’esperto militare ucraino Oleg Zhdanov.

Il suo significato è più politico. È positivo che l’Ucraina possa dimostrare che ci sono russi che sostengono la democrazia e la libertà e che stanno combattendo dalla parte giusta.

Oleg Zhdanov, esperto militare

È difficile scoprire esattamente chi siano i “patrioti russi” che compongono la Legione e le loro motivazioni. Per Tikhi, un operaio di Togliatti, la capitale automobilistica russa 800 km a sud-est di Mosca, sembrano più personali che politiche.

Questo quarantenne proviene da una famiglia mista. Sua moglie, che si è conosciuta in Russia, è ucraina.

“Non avresti capito che eravamo in Russia”, ha detto un padre di due figli che era in visita alla famiglia a Kiev al momento dell’invasione. Non sono mai tornati in Russia e si è arruolato nell’esercito ucraino come parte della Legione.

Non ha quasi contatti con la sua famiglia in Russia, che non capisce la sua scelta. Gli abbiamo fatto il lavaggio del cervello. Ma so che sono preoccupati per me.

E ha rotto con i suoi amici. “Si siedono sul loro divano in Russia e ripetono: libereremo l’Ucraina”, scherza.

READ  Nel Regno Unito, il governo conservatore è sempre più debole

Senza rimorso, senza preoccupazione, dice che considera i soldati russi “nemici” e che “sarebbero fatti saltare in aria da una granata piuttosto che essere catturati” dalle forze di Mosca.

Tychy fece domanda per la cittadinanza ucraina, ma non avrebbe potuto ottenerla fino alla fine della guerra. “Per il momento, ho ancora il passaporto del nemico.”

“nazionalista di destra”

“Caesar”, il portavoce, è di San Pietroburgo dove faceva il fisioterapista. Lowe afferma di essere politicamente motivato, presentandosi come un “nazionalista di destra” che crede che il regime di Vladimir Putin possa essere rovesciato solo con la forza.

Non si fida degli avversari, che secondo lui sono “fantoccio”, e crede che i suoi connazionali “non vogliano vedere né sentire niente”.

L’uomo improvvisamente prese vita: “La Russia sta morendo. Vai nei villaggi e vedrai ubriachi, tossicodipendenti e criminali. La gente soffre”.

Questo è il risultato di 20 anni di governo di Putin. Il suo sistema, il suo governo, i suoi deputati, è spazzatura. Sono perdenti, corrotti, ladri, che pensano solo a vivere di denaro e di piacere. Non è questo il modo di governare un paese, critica.

L’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio è stata la scintilla, portando sua moglie e quattro figli a Kiev. “Anche loro vivono nella paura dei bombardamenti e al freddo, ma sono d’accordo con le mie scelte”, dice “Caesar”, che parla senza mezzi termini perché la sua famiglia è ora “al sicuro” in Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.