La guerra in Ucraina, giorno 203 | Nell’Isium rioccupato, Zelensky ha promesso la vittoria sui russi

(Nella regione di Kharkiv) mercoledì il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha promesso la “vittoria” al suo popolo dalla città strategica di Izyum, che i russi hanno riconquistato durante un contrattacco a sorpresa, mentre Mosca si è detta determinata a continuare a bombardare l’Ucraina.

Inserito alle 7:29
Aggiornato alle 8:57

Emanuele Press
Agenzia media francese

Questo è il primo viaggio di un capo di stato ucraino nella regione di Kharkiv dalla liberazione della regione di questo mese, di cui le sue forze hanno ripreso il controllo quasi completo in soli 15 giorni.

La città di Izyum, che prima della guerra aveva una popolazione di circa 50.000 abitanti, fu oggetto di combattimenti mortali in primavera prima di essere catturata dai russi che ne fecero un punto strategico per rifornire le loro forze. Pertanto, il restauro da parte di Kiev rappresenta una battuta d’arresto per l’esercito russo, che si è ritirato a Donetsk, un’area sotto il controllo del Cremlino dal 2014.

“Ci stiamo muovendo solo in una direzione, in avanti, verso la vittoria”, ha scritto Zelensky su Telegram.

Tra le sue guardie del corpo, il presidente indossava una toppa color cachi con la scritta “Ucraina o morte” sulla spalla, secondo le foto della presidenza.

In un video, ha confrontato la distruzione di Izyum con la distruzione di Butch, una città vicino a Kiev da cui le forze russe si sono ritirate in primavera, lasciando dietro di sé i corpi di civili giustiziati silenziosamente. Abusi che Mosca ha negato di aver commesso.

“È lo stesso: edifici sono stati distrutti, persone sono state uccise. Fa parte della nostra storia e della moderna nazione russa”, ha detto in inglese, senza fornire dettagli sulle accuse contro l’occupante russo a Izyum.

READ  I Paesi Bassi rivelano una spia russa che ha cercato di infiltrarsi nella Corte penale internazionale | La guerra in Ucraina

Intensi scioperi russi

L’Ucraina ha annunciato di aver reclamato migliaia di chilometri quadrati a est ea sud dai russi solo nel mese di settembre.

Da parte sua, l’esercito russo, i cui attacchi hanno causato interruzioni di corrente in diverse regioni ucraine negli ultimi giorni, ha dichiarato mercoledì che stava bombardando le forze ucraine in tutto il paese, in particolare nella regione di Kharkiv.

“Attacchi su larga scala sono stati effettuati nelle aree delle località di Dvorichna, Balakleta e Kobyansk contro forze vive e attrezzature di 14e e 93e Il ministero della Difesa russo ha dichiarato nel suo briefing quotidiano: Brigate meccanizzate delle forze armate ucraine.

Sono state prese di mira anche molte altre città e regioni.

A Mykolaiv (sud) due edifici sono stati colpiti e due persone sono rimaste uccise, secondo le autorità locali. E nella città di Bakhmut, nella regione di Donetsk, che Mosca cerca di occupare da mesi, martedì sono stati uccisi cinque civili, secondo il governatore della regione.

La Russia giustifica la sua invasione affermando che il governo ucraino stava sopprimendo i russofoni nel paese e che la NATO stava usando l’Ucraina per minacciarla.

Un falso contrattacco ha permesso all’Ucraina di recuperare quasi l’intera regione di Kharkiv, al confine con la Russia, in particolare le città di Balakleta, Kubyansk e Izyum. Gli ultimi due erano importanti centri logistici per le forze russe.

non calmarti

Con il supporto delle spedizioni di armi occidentali, l’Ucraina lancia un contrattacco parallelo nel sud del Paese, nella regione occupata di Kherson, ma i guadagni sono inferiori rispetto al nord-est.

Nelle ultime settimane, l’esercito ucraino ha bombardato ponti strategici lì per interrompere il rifornimento delle forze russe. Lunedì ha affermato di aver percorso una distanza di 500 km2.

READ  Khamenei chiede la revisione degli accordi di normalizzazione con Israele

Mercoledì, la Guardia nazionale russa, dispiegata nelle regioni di Kherson e Zaporizhia, ha detto alle agenzie russe di aver “arrestato più di 130 persone” che lavoravano per i servizi speciali e l’esercito ucraino.

L’avanzata dell’Ucraina a settembre è la più grande da quando Mosca si è ritirata dalla periferia di Kiev e dal centro del Paese in primavera dopo non essere riuscita a catturarla.

Da parte sua, l’Occidente ha adottato severe sanzioni contro la Russia e ha aumentato le spedizioni di armi agli ucraini. I leader dell’Unione Europea e della NATO vengono regolarmente a Kiev per mostrare il loro sostegno a Zelensky.

La Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha annunciato davanti al Parlamento Europeo a Strasburgo (Francia) che vi si sarebbe recata mercoledì, promettendo “incrollabile solidarietà” con l’Ucraina e fermezza verso Mosca,

“E’ tempo di determinazione, non di pacificazione”, ha detto prima di salutare la first lady ucraina Olena Zelenska, che ha ricevuto una standing ovation dal Parlamento europeo, e il suo “coraggio colossale nel resistere alla spietatezza di (Vladimir Putin”).

Martedì il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha parlato con il presidente russo, chiedendo un “ritiro completo” dall’Ucraina.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.