La Francia richiama i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia

Parigi | La Francia ha convocato per consultazioni i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia, per la prima volta nella storia, dopo l’annuncio della partnership strategica tra Washington, Londra e Canberra, che ha portato l’Australia ad annullare un importante contratto di acquisto di sottomarini dalla Francia, il ministro degli Esteri Lo ha annunciato venerdì Jean-Yves Le Drian.

• Leggi anche: Stati Uniti, Australia e Regno Unito firmano un patto di sicurezza indo-pacifico, facendo arrabbiare Pechino e Parigi

Su richiesta del Presidente della Repubblica, ho deciso di convocare immediatamente Parigi per consultare i nostri ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia. Ha detto in una dichiarazione che questa decisione eccezionale è stata giustificata dall’eccezionale gravità degli annunci fatti il ​​15 settembre dall’Australia e dagli Stati Uniti.

È la prima volta che una decisione del genere viene presa nei confronti di questi due paesi, in particolare degli Stati Uniti, i due storici alleati della Francia dalla guerra di indipendenza tra di loro.

Dall’annuncio di mercoledì di questa partnership per la sicurezza, soprannominata Aukus, e dall’annullamento da parte dell’Australia del contratto per la fornitura di decine di sottomarini convenzionali per decine di miliardi di euro, la Francia non è partita contro gli Stati Uniti e l’Australia. .

Jean-Yves Le Drian ha denunciato, giovedì, un “colpo alle spalle” dell’Australia, e la decisione “brutale” del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

La Francia ha anche annullato una festa in programma venerdì sera per commemorare la battaglia della baia di Chesapeake, decisiva nella guerra d’indipendenza degli Stati Uniti, conclusa con la vittoria della flotta francese sulla flotta britannica, il 5 settembre 1781.

READ  Gabi Pettito è morta soffocata

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *