La Danimarca tiene un referendum per aderire alla politica di difesa dell’Unione europea

Una nuova conseguenza geopolitica dell’invasione russa dell’Ucraina: domenica la Danimarca ha annunciato di voler aderire tramite referendum alla politica di difesa dell’Unione Europea, dalla quale è stata lontana per tre decenni, oltre ad annunciare un forte aumento dei suoi crediti militari.

• Leggi anche: Ucraina: le nuove sanzioni del G7 devono prima di tutto “colpire l’oligarchia russa”

• Leggi anche: La Russia avverte i vicini dell’Ucraina di accogliere i suoi aerei da combattimento

• Leggi anche: Usa e Ue discutono del divieto alle importazioni di petrolio russo

Prepararsi a sbarazzarsi del gas russo “il prima possibile”, destinare il 2% del PIL alla difesa entro il 2033 e quasi un miliardo di euro di spese militari in più nei prossimi due anni: domenica sera il premier Mette Frederiksen ha presentato l’accordo raggiunto con quasi tutti i partiti in Parlamento.

“Le epoche storiche richiedono decisioni storiche”, ha detto il leader socialdemocratico durante una conferenza stampa.

“Ci auguriamo che tutti i danesi sosterranno” la revoca di questa eccezione durante il referendum del 1Versetto giugno, lanciato.

Membro fondatore della NATO, la Danimarca non è stata ancora coinvolta in questioni di difesa all’interno dell’Unione Europea, a causa delle eccezioni concesse a Copenaghen per consentire l’adozione da parte del forcipe del Trattato di Maastricht all’inizio degli anni ’90.

“Per me come primo ministro, questa è una decisione basata sui valori”, ha detto. “C’era l’Europa prima del 24 febbraio [date du début de l’invasion de l’Ukraine] E un altro dopo.

L’accordo raggiunto domenica prevede anche un forte aumento della spesa per la difesa nei prossimi anni, per raggiungere l’obiettivo Nato del 2% del PIL entro il 2033, rispetto a circa l’1,5% attuale.

READ  «Entrée interdite aux hommes», annonce une boutique au Brésil

Al momento, il governo ha deciso di stanziare sette miliardi di corone (circa 940 milioni di euro) in ulteriori fondi per la difesa nei prossimi due anni.

Il nono referendum dell’Unione Europea

Il bilancio della difesa danese è attualmente di 27,1 miliardi di corone (3,6 miliardi di euro).

Un’altra conseguenza dell’attuale turbolenza geopolitica è che anche la Danimarca intende “essere indipendente dal gas russo il prima possibile”, ha affermato la signora.me Frederiksen, senza dare un orario.

Dopo lo shock elettrico causato dall’attacco della Russia all’Ucraina, molti paesi europei hanno riconsiderato posizioni storiche o chiave e la Germania è in testa.

Il governo socialdemocratico danese aveva già annunciato di essere favorevole all’aumento dei fondi militari. Il partito di governo prevede anche un aumento del numero delle reclute (attualmente meno di 5.000).

Pochi giorni prima dell’invasione dell’Ucraina, anche la Danimarca – stretta alleata di Washington in Europa – ha aperto le porte alla presenza dei soldati statunitensi sul suo suolo, infrangendo una dottrina in vigore dalla seconda guerra mondiale.

Il prossimo referendum sarà il nono a essere sottoposto agli elettori nel regno scandinavo sulle questioni europee dall’adesione all’Unione Europea nel 1972.

Dopo che il Trattato di Maastricht è stato respinto con un referendum nel giugno 1992, Copenaghen ha ottenuto eccezioni in diverse aree sovrane, principalmente la moneta unica, e poi in materia di giustizia, polizia e difesa.

Le eccezioni ottenute consentirono al governo di organizzare un nuovo referendum un anno dopo, durante il quale i danesi avevano risposto sì. ma questo Ritirare Deve essere revocato tramite referendum.

READ  La TV di Stato ha detto che l'Etiopia rilascerà un certo numero di politici

Nel dicembre 2015 i danesi hanno rifiutato tramite referendum di rafforzare la loro cooperazione con l’UE in materia di polizia e sicurezza, temendo di perdere la loro sovranità in relazione all’immigrazione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.