La Corte Suprema degli Stati Uniti mantiene il pieno accesso alle pillole abortive

La Corte Suprema degli Stati Uniti mantiene il pieno accesso alle pillole abortive

Giovedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ripristinato il pieno accesso alle pillole abortive, che i più accaniti oppositori dell’aborto volevano limitare, ma il presidente Joe Biden ha invitato le persone a non abbassare la guardia di fronte ai loro attacchi.

• Leggi anche: La principale Chiesa protestante negli Stati Uniti condanna e vota contro la fecondazione in vitro

• Leggi anche: In Texas, i sostenitori dell’anti-aborto vogliono impedire alle donne di abortire altrove

Nella loro sentenza unanime, i nove giudici della Corte a maggioranza conservatrice hanno negato “l’interesse alla rappresentanza”, un requisito per un’azione legale, ai querelanti – associazioni di medici o professionisti anti-aborto che non prescrivono o usano la pillola anticoncezionale. Mifepristone, utilizzato nella maggior parte degli aborti nel Paese.

Hanno quindi annullato la decisione d’appello che avevano comunque sospeso.

La corte d’appello, composta da giudici molto conservatori, nel 2023 ha ripristinato diverse restrizioni all’accesso al mifepristone, una pillola utilizzata per l’aborto medico, che l’Agenzia statunitense per i medicinali (FDA) aveva revocato dal 2016.

“I querelanti non hanno dimostrato che un allentamento delle regole della FDA potrebbe effettivamente danneggiarli”, ha scritto il giudice Brett Kavanaugh nella sua decisione a nome della Corte Suprema.

“Per questo motivo, i tribunali federali non sono il veicolo appropriato per affrontare le preoccupazioni dei querelanti riguardo alle azioni della FDA”, aggiunge, sottolineando che potrebbero deferirli al ramo esecutivo o legislativo.

Il presidente democratico Joe Biden, che ha fatto della tutela del diritto all’aborto il fulcro della sua campagna elettorale di novembre contro il suo predecessore repubblicano, Donald Trump, ha preso atto della decisione, ma ha sottolineato che “la lotta continua”.

READ  [VIDÉO] I pattinatori sono rimasti gravemente scossi mentre viaggiavano su una funivia in Italia

La vicepresidente Kamala Harris ha aggiunto: “Questa decisione non cambia il fatto che milioni di americani oggi vivono sotto un duro divieto di aborto a causa di Donald Trump”. Ha aggiunto: “Nemmeno le minacce di aborto medico”.

Attraverso la sua storica sentenza del giugno 2022 che abroga la garanzia federale del diritto all’aborto, la Corte Suprema ha concesso agli Stati completa libertà di legiferare in questo settore. Da allora, circa due dozzine hanno vietato o regolamentato rigorosamente l’aborto (contraccezione volontaria), sia tramite farmaci che tramite intervento chirurgico.

Donald Trump si vanta di aver consentito, nominando tre giudici conservatori alla Corte Suprema, di ribaltare la giurisprudenza del giugno 2022.

“Pronto a tutto”

Il Guttmacher Institute, un think tank ufficiale pro-aborto, si è detto “sollevato” dal fatto che la Corte Suprema abbia preso “l’unica decisione ragionevole” possibile sul mifepristone, ma ha lamentato che la denuncia era “in malafede e senza base fattuale o scientifica”. .” Non era mai stato rifiutato così bene prima.

“Dobbiamo restare vigili. Il movimento anti-aborto sta perseguendo incessantemente il suo obiettivo di vietare l’aborto a livello nazionale”, ha aggiunto Destiny Lopez, co-presidente del Guttmacher Institute.

La presidente del Centro per i diritti riproduttivi Nancy Northup ha accolto con favore la decisione, ma ha anche affermato che “questo caso infondato non avrebbe dovuto arrivare a questo punto”.

Ha avvertito che “purtroppo gli attacchi alla pillola abortiva non si fermeranno qui”, sottolineando che il movimento anti-aborto è “pronto a fare qualsiasi cosa per impedirne l’accesso”.

L’organizzazione cristiana conservatrice Alliance Defending Freedom (ADF), che rappresentava i querelanti, si è detta “delusa dal fatto che la corte non si sia pronunciata sulla questione delle azioni illegali della FDA”, ma ha ribadito che l’allentamento delle regole deciso dall’agenzia It mette a rischio i diritti delle donne. salute.

READ  Il nuovo ministro della Difesa ha il sopravvento tra gli alti ufficiali dell'esercito

Sulla base dei rischi potenziali esclusi dal consenso scientifico, la decisione di ricorso, se accolta, avrebbe ridotto a sette il limite di 10 settimane di gravidanza, vietato la spedizione delle pillole e reso nuovamente obbligatorio la consegna delle pillole esclusivamente tramite posta. un dottore.

Secondo il Guttmacher Institute, quasi due terzi (63%) degli aborti negli Stati Uniti nel 2023 sono stati eseguiti con metodi medici.

Su un altro fronte della battaglia per i diritti riproduttivi, giovedì i senatori repubblicani hanno bloccato un disegno di legge democratico per proteggere l’accesso alla fecondazione in vitro (IVF).

“Gli amici di Trump al Senato stanno dimostrando ancora una volta di non riconoscere il diritto fondamentale delle donne di prendere decisioni sulla propria salute e sul proprio corpo”, ha risposto Kamala Harris.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *