La Corte Suprema consente il trasferimento delle dichiarazioni dei redditi di Trump al Congresso

Martedì la Corte Suprema degli Stati Uniti ha autorizzato il trasferimento delle dichiarazioni dei redditi di Donald Trump al Congresso, respingendo l’appello finale dell’ex presidente repubblicano.

Una commissione della Camera, in mano democratica fino a gennaio, chiede da tre anni i documenti che il miliardario ha consegnato al fisco tra il 2015 e il 2020.

Ma, a differenza di tutti gli inquilini della Casa Bianca dagli anni ’70, Donald Trump si è sempre rifiutato di rilasciare le sue dichiarazioni dei redditi e ha lottato duramente nei tribunali per bloccare la richiesta del Congresso.

Diversi episodi dopo, a fine ottobre, una corte d’appello federale ha autorizzato il fisco a deferire questi documenti al Comitato della Camera. Il magnate immobiliare ha quindi inviato un appello urgente alla Corte Suprema degli Stati Uniti per bloccare questo trasferimento.

Questa aveva in data 1° novembre sospeso la trasmissione degli atti in attesa dell’ottenimento degli elementi per la decisione nel merito.

Dopo aver ricevuto argomenti da entrambe le parti, martedì ha finalmente rifiutato la richiesta di Donald Trump. Secondo la sua pratica, non ha chiarito le sue motivazioni.

Sebbene profondamente riformata dall’ex presidente, la Corte Suprema ha causato molti intoppi in questa vicenda, e in particolare ha autorizzato nel 2020 il trasferimento di documenti finanziari alla giustizia di New York che indaga sui suoi affari.

La mancanza di trasparenza di Donald Trump, che ha fatto della sua ricchezza un argomento nella sua campagna elettorale, ha alimentato per anni speculazioni sull’entità della sua ricchezza o sui potenziali conflitti di interesse.

Tuttavia, non è detto che il trasferimento dei suoi archivi fiscali al Congresso solleverà il velo sulle vicende del settuagenario che ha appena annunciato la sua candidatura alla presidenza del 2024.

READ  Gli assistenti affermano che il divieto del velo non è più la priorità di Le Pen

L’ente che ha convocato queste dichiarazioni dei redditi per sviluppare un codice etico sugli affari dei capi non intende renderle pubbliche. A gennaio i repubblicani lo riprenderanno e probabilmente abbandoneranno l’attività.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.