La Cina pretende di rispettare la sovranità dei paesi dell’ex Unione Sovietica

La Cina pretende di rispettare la sovranità dei paesi dell’ex Unione Sovietica

La Cina ha affermato lunedì di rispettare lo “status di Stato sovrano” dei Paesi dell’ex Unione Sovietica, dopo le controverse dichiarazioni del suo ambasciatore in Francia.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha detto ai giornalisti che “la Cina rispetta lo status di stato sovrano delle repubbliche” che sono nate dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica alla fine del 1991.

Ha sottolineato che “la Cina rispetta la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i paesi e sostiene gli scopi ei principi della Carta delle Nazioni Unite”.

L’ambasciatore cinese in Francia, Lu Shay, è stato interrogato tramite il canale di notizie LCI sulla provincia ucraina della Crimea, che Mosca ha annesso dal 2014, e venerdì sera aveva negato la sovranità delle ex repubbliche sovietiche.

E venerdì sera ha dichiarato che i Paesi dell’ex Unione Sovietica “non hanno un posto effettivo nel diritto internazionale perché non esiste un accordo internazionale per incarnare il loro status di Stati sovrani”.

Chiama i Paesi Baltici

Queste dichiarazioni hanno scatenato la protesta dei Paesi interessati, a cominciare dai Paesi baltici, membri dell’Unione Europea e della Nato, che lunedì “convocheranno” gli ambasciatori cinesi nelle loro capitali per “chiedere chiarimenti”.

Anche il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, lo ha definito “inaccettabile”, in quanto “l’Unione europea può solo presumere che queste dichiarazioni non rappresentino la posizione ufficiale della Cina”.

Infatti, prendendo lunedì le distanze da Pechino dalle parole del suo ambasciatore, che fa parte dei “wolffighters”, questo nuovo clan di diplomatici cinesi non usa mezzi termini di fronte a un Occidente visto come sistematicamente ostile a Pechino.

READ  Sparatoria ai lupi in Colorado: allevatori vicini pronti a sparare

“Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la Cina è stata uno dei primi paesi a stabilire relazioni diplomatiche con i paesi interessati”, ha detto Mao.

“Controversia” sulla questione ucraina

“Dall’istituzione delle relazioni diplomatiche, la Cina ha sempre aderito al principio del rispetto reciproco e dell’uguaglianza per sviluppare relazioni bilaterali di amicizia e cooperazione”, ha affermato il portavoce.

Ha sottolineato che “alcuni media hanno interpretato male la posizione della Cina sulla questione ucraina e hanno portato a creare discordia nelle relazioni tra la Cina e i paesi interessati” e ha aggiunto: “Saremo vigili su questa questione”.

Per quanto riguarda la Crimea, che Mosca occupa dal 2014, Le Shay ha affermato che “la Crimea era all’inizio per la Russia. È stato Krusciov a dare la Crimea all’Ucraina durante i tempi dell’Unione Sovietica”.

Mikhailo Podolak, consigliere della presidenza ucraina, ha risposto sarcasticamente su Twitter: “Se vuoi essere un attore politico importante, non ripetere come un pappagallo propagandistico dei russi”.

“I tre stati baltici incontreranno lunedì i loro inviati cinesi per chiedere chiarimenti, per vedere se la posizione della Cina è cambiata sull’indipendenza e per ricordare loro che non siamo stati post-sovietici ma stati occupati illegalmente dall’Unione Sovietica”, ha detto il ministro lituano. Lo ha detto lunedì il ministro Gabrielius Landsbergis a margine di una riunione dei ministri degli Esteri europei.

Anche il ministro degli Esteri lettone Edgar Renkovics ha denunciato le osservazioni “totalmente inaccettabili”.

La sua controparte estone, Margos Tsakana, l’ha definita una “falsa” e “errata interpretazione della storia”. Ha continuato: “Secondo il diritto internazionale, gli Stati baltici sono sovrani dal 1918, ma sono stati occupati per 50 anni” dall’Unione Sovietica.

READ  Stati Uniti: Il Papa solleva mons. Strickland dalla sua missione pastorale

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *