La Cina critica le osservazioni “serie” di Biden su Taiwan

Pechino | ‘Questa è una grave violazione’ delle promesse di Washington a Pechino: la Cina lunedì ha denunciato le dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Joe Biden secondo cui gli Stati Uniti difenderebbero Taiwan in caso di ingerenza cinese.

• Leggi anche: Biden afferma che gli Stati Uniti difenderanno Taiwan in caso di invasione cinese

La portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha criticato alla stampa dicendo che “questo invia un segnale (sostegno) cattivo e pericoloso alle forze separatiste che combattono per l’indipendenza di Taiwan”.

Durante un’intervista trasmessa questo fine settimana, la televisione statunitense CBS ha chiesto a Joe Biden se “gli americani avrebbero difeso Taiwan in caso di invasione cinese”.

Il presidente degli Stati Uniti ha risposto: “Sì, se c’è un attacco senza precedenti”.

Un portavoce della Casa Bianca ha detto all’AFP domenica sera che la politica degli Stati Uniti nei confronti di Taiwan “non è cambiata”.

La Cina considera Taiwan, con una popolazione di circa 23 milioni di abitanti, come una delle sue province, che non è ancora riuscita a riunificarsi con il resto del suo territorio dalla fine della guerra civile cinese nel 1949.

Per sette decenni, l’esercito comunista non è stato in grado di occupare l’isola, che è rimasta sotto il controllo della Repubblica di Cina, il regime che un tempo governava la Cina e ora governa solo Taiwan.

Il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato durante la sua intervista di non “incoraggiare” l’isola a dichiarare la propria indipendenza.

Il portavoce di Biden, Mao Ning, ha sottolineato che le osservazioni di Joe Biden costituiscono una “grave violazione dell’importante impegno degli Stati Uniti di non sostenere l’indipendenza di Taiwan”.

READ  Volodymyr Zelensky parlerà martedì al parlamento canadese

“La mia sincera gratitudine”

Attraverso tre comunicati stampa congiunti firmati nel 1972, 1979 e 1982, gli Stati Uniti si sono impegnati in particolare a riconoscere il governo di Pechino come unico legittimo rappresentante della Cina.

Washington ha anche “riconosciuto la posizione cinese secondo cui esiste una Cina e che Taiwan fa parte della Cina”, secondo il testo del comunicato stampa del 1982 pubblicato sul sito web dell’ambasciata cinese negli Stati Uniti.

Da parte di Taiwan, lunedì il Dipartimento di Stato ha accolto con favore i commenti di Joe Biden, che ha espresso “la sua sincera gratitudine”.

“Di fronte all’espansione militare e alle azioni provocatorie della Cina, il nostro governo continuerà a migliorare le sue capacità di autodifesa”, ha affermato in una nota.

E Joe Biden aveva detto alla fine dello scorso maggio che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti militarmente per sostenere Taiwan in caso di invasione cinese. Poi ha ribadito la sua adesione all'”ambiguità strategica”.

Questo concetto volutamente vago, che ha governato per decenni la politica taiwanese di Washington, è la riluttanza degli Stati Uniti a dire se intervenire o meno militarmente per difendere Taiwan in caso di invasione.

Il riavvicinamento tra Stati Uniti e Taiwan è aumentato negli ultimi anni. Ciò ha contribuito a mettere a dura prova le relazioni tra Pechino e Washington, che ora sono al punto più basso degli ultimi decenni.

pressioni dal 2016

Mercoledì, un disegno di legge, che prevede specificamente la prima assistenza militare diretta dagli Stati Uniti a Taiwan, ha superato una fase importante nel Congresso degli Stati Uniti.

Pochi giorni fa Washington ha annunciato la vendita di armi a Taipei per 1,1 miliardi di dollari.

READ  Donald Trump | Il leader repubblicano al Senato vuole rinviare il processo di impeachment

All’inizio di agosto, Pechino ha considerato la visita della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan come una provocazione.

“Siamo assolutamente pronti a fare del nostro meglio per lavorare per la riunificazione pacifica”, ha detto lunedì il portavoce cinese Mao Ning.

“Ma non tollereremo alcuna azione finalizzata alla secessione e ci riserviamo il diritto di prendere tutte le misure necessarie”.

Pechino ha esercitato una crescente pressione economica, diplomatica e militare su Taipei da quando l’attuale presidente taiwanese Tsai Ing-wen, di un partito indipendentista, è salito al potere nel 2016.

Dal 1979 gli Stati Uniti hanno riconosciuto un solo governo cinese, quello di Pechino. Ma continuano a fornire sostegno alle autorità taiwanesi, in particolare attraverso grandi vendite di armi.

“Esortiamo la parte statunitense a riconoscere pienamente l’elevata importanza e sensibilità della questione di Taiwan… in modo da non danneggiare ulteriormente le relazioni Cina-USA”, ha affermato Mao Ning.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.