La Cina annuncia la fine delle esercitazioni militari attorno a Taiwan

La Cina annuncia la fine delle esercitazioni militari attorno a Taiwan

La Cina ha annunciato la fine delle esercitazioni militari su larga scala che conduceva da giovedì attorno all’isola di Taiwan per dimostrare la sua opposizione a quelle che considera dichiarazioni separatiste del nuovo presidente taiwanese Lai Ching-te.

L’esercito cinese ha “completato con successo” l’esercitazione denominata “Combined Sword-2024A” contro Taiwan, ha detto venerdì sera un presentatore del canale CCTV-7 della televisione statale cinese, responsabile delle notizie militari.

Il Teatro Operativo Orientale dell’esercito ha annunciato giovedì di aver iniziato queste manovre, che dovrebbero continuare fino a venerdì. Non ha confermato esplicitamente che fosse stato completato.

Venerdì sera, l’esercito cinese ha pubblicato un videoclip che mostra camion missilistici pronti a sparare, ufficiali a bordo di navi da guerra che monitorano le imbarcazioni taiwanesi con un binocolo e soldati in uniforme militare che dichiarano la loro lealtà al Partito Comunista.

Queste esercitazioni mirano, in particolare, a simulare un assedio imposto all’isola, con la partecipazione delle forze terrestri, navali, aeree e dell’unità missilistica (responsabile dei missili strategici). Questi attacchi sono avvenuti principalmente nello Stretto di Taiwan, nel nord, nel sud e nell’est del territorio.

A Taiwan, la portavoce presidenziale Karen Kuo ha denunciato sabato queste manovre, che secondo lei sollevano “serie preoccupazioni” e costituiscono “una palese provocazione nei confronti del sistema internazionale”.

La Cina considera Taiwan una delle sue province che non è ancora riuscita a riunificare i suoi territori dalla fine della guerra civile cinese e dall’ascesa al potere dei comunisti nel continente nel 1949.

Pechino chiede la riunificazione “pacifica” con il territorio, che conta 23 milioni di abitanti ed è governato da un regime democratico, ma non esclude il ricorso alla forza se l’isola si avvia verso l’indipendenza.

READ  Forti piogge in California | Sta per apparire un lago scomparso
“Piantagrane”

Pertanto, la Cina è rimasta scontenta del discorso di insediamento di Lai Ching-te di lunedì.

Il presidente taiwanese ha sottolineato in particolare che “La Repubblica [Taïwan] E [la Chine continentale dirigée par le Parti communiste] Non soggetti l’uno all’altro.

Dichiarazioni che Pechino considera separatiste.

Ha aggiunto: “Il leader della regione di Taiwan ha seriamente messo in dubbio il principio della Cina unica […]“Ciò spinge i nostri compatrioti a Taiwan in una pericolosa situazione di guerra e pericolo”, ha detto venerdì Wu Qian, portavoce del Ministero della Difesa cinese.

“Si chiama giocare con il fuoco, e chi gioca con il fuoco si brucerà sicuramente.”

La Cina accusa regolarmente le attuali autorità taiwanesi di voler approfondire la separazione culturale tra l’isola e il continente, nonostante la stragrande maggioranza dei taiwanesi appartenga alla cultura cinese.

L’analista politico di Taiwan Wen Thi-sung ha dichiarato all’AFP che “l’obiettivo di Pechino è modellare il discorso internazionale” presentando “il nuovo governo taiwanese come un piantagrane”.

Si ritiene che la Cina, attraverso queste manovre militari “molto pubblicizzate”, non solo voglia “dimostrare la sua insoddisfazione” nei confronti di Taipei, ma voglia anche “dissuadere” altri Paesi dal cooperare con l’isola per “isolarla ulteriormente”.

“Combattere l’arroganza”

È chiaro che Pechino sta prendendo di mira Washington. Infatti, anche se gli Stati Uniti hanno interrotto le relazioni diplomatiche con Taiwan alla fine degli anni ’70, Taiwan rimane il principale fornitore di armi dell’esercito cinese.

Per questo la Cina critica regolarmente gli scambi, soprattutto militari, tra gli americani e le autorità taiwanesi, che a suo avviso mirano solo a “contenere” lo sviluppo del gigante asiatico.

READ  Rapina: una donna preadolescente spaventa i ladri... usando il suo braccialetto anticaduta

Li Shi, portavoce del teatro operativo orientale, ha dichiarato venerdì sera che l’esercito cinese “continuerà a combattere risolutamente l’arroganza dei sostenitori dell’indipendenza di Taiwan” e “schiaccerà risolutamente i complotti separatisti”.

“Scala degli esercizi [de cette semaine] Si è trattato di un progetto importante, ma tutt’altro che importante, a quanto pare, come quello lanciato da Pechino nell’agosto 2023 dopo una visita negli Stati Uniti dell’allora vicepresidente Lai Ching-te, afferma Wente Song.

Pechino ha condotto manovre su scala storica anche nell’agosto 2022, dopo la permanenza sull’isola di Nancy Pelosi, allora presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti.

Cosa ti aspetti adesso?

Il nome dell’esercitazione militare di questa settimana (“Combined Sword-2024A”) sembra indicare con “l’ultimo suffisso, ‘A’, che questa è solo la prima edizione”, nota Wen Te Song. “Se i diversi attori non si comportano bene, Pechino potrebbe lanciare la versione B, o anche C, ecc.”

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *