La CIA afferma che la sindrome dell’Avana non è attribuita a una potenza straniera

La CIA ha concluso che la “sindrome dell’Avana”, una misteriosa malattia che affligge i diplomatici americani in tutto il mondo e che è stata talvolta paragonata a “attacchi sonori” che alcuni hanno attribuito alla Russia, non era stata precedentemente attribuita a un attacco da parte di una potenza straniera, secondo l’informazione. A partire dal Il New York Times Mercoledì.

• Leggi anche: Sindrome dell’Avana: l’ira dei diplomatici canadesi

• Leggi anche: La sindrome dell’Avana tortura i diplomatici

il Il New York Times La NBC cita i risultati preliminari della CIA su incidenti accaduti per la prima volta ai diplomatici nel 2016 nella capitale cubana, dove diplomatici statunitensi e canadesi si sono lamentati di forti mal di testa e nausea.

Secondo fonti riportate dalla Nbc, “in centinaia di casi, l’agenzia ha trovato spiegazioni ragionevoli e alternative” per un’operazione estera. Ma è in corso un’indagine con la CIA su circa due dozzine di casi che rimangono inspiegabili.

“Il rapporto intermedio non è stato il risultato finale dell’amministrazione Biden o dell’intera comunità dell’intelligence”, ha affermato la NBC, citando funzionari statunitensi.

Un gruppo di vittime è stato citato da Il New York Times Ha detto che i risultati della CIA “non possono e non dovrebbero essere l’ultima parola sulla questione”.

“Sebbene abbiamo tratto importanti conclusioni intermedie, non abbiamo finito”, abbiamo cercato di rassicurare William J. Burns, direttore della Central Intelligence Agency, citando Il New York Times. “Continueremo a indagare su questi incidenti”, ha detto.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken si è impegnato nel novembre 2021 a “evidenziare” la “sindrome dell’Avana”, nominando alti diplomatici sulla questione.

Questi “incidenti di salute anormali”, come vengono chiamati nel gergo gestionale, sono caratterizzati da forti emicranie e vertigini o nausea. È stato diagnosticato un danno cerebrale.

READ  Molestie sessuali | Andrew Cuomo, ancora una volta accusato e rilasciato dal suo partito, rifiuta le sue dimissioni

Dalla sua comparsa all’Avana, sono stati segnalati casi successivi in ​​Cina, Germania, Australia, Russia, Austria e persino a Washington.

Il ministero degli Affari esteri si rifiuta di fornire una stima del numero delle persone colpite, si parla di 200.

Fin dall’inizio, le autorità statunitensi hanno vacillato, con alcuni funzionari che minimizzano i sintomi a volte attribuiti allo stress e altri che discutono in privato di potenziali attacchi di onde radio e scettici su paesi come la Russia.

Ma questa tesi è messa in discussione anche da alcuni scienziati, che la considerano un’improbabile causa comune a tutti i casi segnalati.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.