La battaglia sul tetto del debito USA infuria al Congresso

La battaglia sul tetto del debito USA infuria al Congresso

(WASHINGTON) Lo stato maggiore repubblicano ha svelato martedì la sua tabella di marcia sulla spinosa questione del tetto del debito Usa, sperando che il presidente democratico Joe Biden, con cui è in corso la resa dei conti, possa capitolare.


Dopo un discorso a Wall Street lunedì, il leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy ha spiegato al suo gruppo congressuale il suo piano per evitare il default degli Stati Uniti.

Il presidente Usa ha immediatamente liquidato le misure come “vecchie teorie economiche del passato”.

Ha criticato Joe Biden, “Ha offerto enormi tagli a programmi importanti da cui dipendono milioni di americani”, indicando che la battaglia tra i due uomini si sta facendo più dura.

Come tutte, o quasi, le grandi economie, la prima potenza mondiale vive di credito. Ma a differenza di altri paesi sviluppati, l’America affronta regolarmente un limite legale: il tetto del debito, che il Congresso deve formalmente alzare.

“Pazzo!”

Questo famoso “tetto” ha raggiunto i 31,400 miliardi di dollari a metà gennaio.

Des mesures d’urgence temporaires ont été prises pour continuer à payer la dette, mais, sans accord au congrès for relever ce plafond, les États-Unis se trouveront en défaut de payement, incapables d’assurer leurs engagements financiers, peut-être dès quest’estate.

Ma per dieci anni, questa procedura legislativa di routine, i repubblicani l’hanno usata come strumento di pressione politica.

Con la loro nuova maggioranza alla Camera dei Rappresentanti, hanno promesso di fissare condizioni molto rigide per qualsiasi aumento di questo tetto, in modo da non dare un cosiddetto “assegno in bianco” all’amministrazione Biden.

READ  Stampa a Londra | Non è mio

“È ora di fermare questa follia!” Kevin McCarthy, che si atteggia a implacabile sostenitore della disciplina di bilancio, ha sollecitato.

“La spesa sconsiderata dei Democratici ha causato inflazione, una crisi bancaria e molti altri problemi”, ha accusato su Twitter.

Il suo disegno di legge, presentato martedì alle sue controparti al Congresso, prevede, tra le altre cose, di riportare l’ammontare della spesa del governo federale ai livelli del 2022 e di limitarne la crescita all’1% annuo nei prossimi 10 anni.

Salta nell’ignoto

I democratici si oppongono ferocemente al progetto repubblicano, ritenendo che condizionare un aumento del tetto del debito a tagli di bilancio equivalga a estorsione.

“Questa lista dei desideri è solo un rimaneggiamento di cattive idee di cui abbiamo sentito parlare per settimane”, ha criticato martedì il leader democratico al Senato Chuck Schumer.

Impegnandosi in questo file in un’aspra battaglia con il campo Biden, Kevin McCarthy vuole organizzare un voto su questo testo in una sessione plenaria entro la fine del mese – per aumentare la pressione.

Joe Biden, Chuck Schumer e Hakeem Jeffries, il leader dei Democratici alla Camera, hanno parlato di “atteggiamento irresponsabile” dei repubblicani, capace di “far crollare l’economia”, durante una chiamata martedì.

Secondo un comunicato della Casa Bianca, i tre uomini “non negozieranno” con il rischio di default.

Senza un accordo, la finanza statunitense e globale rischia di sprofondare nell’ignoto.

Joe Biden ha ricevuto il leader repubblicano all’inizio di febbraio per discutere i possibili risultati.

Poi i due leader hanno registrato le loro divergenze, senza mai raggiungere un compromesso.

Tuttavia, il “presidente della Camera” McCarthy, che è stato eletto a gennaio con dolore, dovrà prima superare una spaccatura nei suoi ranghi tra l’ala destra del suo partito, che richiede ortodossia di bilancio, e funzionari eletti moderati, per garantire l’approvazione di questo disegno di legge. . la casa.

READ  Corsa contro il tempo per recuperare gli ostaggi

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *