Justin Trudeau nel Commonwealth: L’elefante russo nella stanza

La prima tappa di Justin Trudeau: la riunione dei capi di governo del Commonwealth a Kigali, la capitale del Ruanda. Il raggruppamento di 54 nazioni, una reliquia dell’Impero britannico, riceve raramente l’attenzione, ma questa volta la situazione è diversa.

Il Commonwealth deve affrontare profonde divisioni sulla guerra in Ucraina. Alcuni paesi del Commonwealth hanno posizioni filo-russeSpiega Frederic Miran, professore di scienze politiche all’Università di Montreal.

Quasi il 20% dei paesi del Commonwealth si è astenuto dal condannare l’invasione russa in un voto alle Nazioni Unite in primavera.

Elenco dei paesi che si sono astenuti:

Sudafrica, Bangladesh, Camerun, India, Mozambico, Namibia, Uganda, Pakistan, Sri Lanka, Tanzania

Paesi che non hanno votato:

Eswatini

I paesi africani in via di sviluppo, ma anche attori più grandi come Sud Africa, India e Pakistan, si rifiutano di intervenire per paura di danneggiare le loro relazioni diplomatiche o economiche con la Russia.

Pertanto, dietro le quinte del vertice del Commonwealth, sarà un’arena di negoziati e negoziati per cercare di persuadere alcuni di loro a cambiare posizione.

Il primo ministro Trudeau lavorerà sodo per mobilitare questi paesiafferma un alto rappresentante del governo Trudeau. Avremo conversazioni franche e faccia a faccia attorno al tavolo.

In che modo il Canada prevede di fare bene?

risolvere la crisi alimentare

La Russia impedisce l’esportazione di milioni di tonnellate di grano ucraino, vero crimine di guerraritiene Josep Borrell, Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri.

La guerra russa tiene in ostaggio il Sudafrica Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un discorso all’Unione africana all’inizio di questa settimana, a causa degli alti prezzi dei generi alimentari.

READ  La Svizzera adotta l'iniziativa anti-Turchia a maggioranza sottile

Tuttavia, molti paesi del Commonwealth sensibili alla propaganda russa ritengono che questa crisi alimentare sia colpa dell’Occidente, poiché ha imposto sanzioni contro il regime di Vladimir Putin.

L’Ucraina, denominata in Europa il “cestino del pane”, è un importante esportatore di grano, orzo e altri cereali, nonché di barbabietola da zucchero e olio di girasole.

Foto: Getty Images/Joe Raedle

Per i paesi occidentali la crisi alimentare si traduce solo in una lieve inflazione. Ma per alcuni paesi del Medio Oriente o dell’Africa subsahariana, ciò potrebbe significare carestia.come sottolinea Frederic Miran.

Ecco perché Justin Trudeau prevede di utilizzare parte del suo tempo al Vertice del Commonwealth per attirare i paesi Che sono piccoli, fragili, deboli E chi lo sente? La loro sicurezza alimentare e l’accesso a benzina, gas naturale e cibo stanno diminuendodice un alto funzionario del governo.

Per aiutare a portare questi paesi in via di sviluppo nel loro gregge, i paesi del Commonwealth occidentale intendono fornire assistenza finanziaria e umanitaria Costruire la resilienza ai cambiamenti climatici e alla sicurezza alimentare e contribuire allo sviluppo sostenibiledice un rappresentante canadese.

L’operazione Witch si svolgerà sul G7 in Germania, la seconda tappa del viaggio, dal 26 al 28 giugno.

G7, Russia e paesi in via di sviluppo

La sicurezza alimentare sarà una delle questioni chiave per il G7. Inoltre, questo gruppo dei sette paesi più industrializzati ha invitato alla discussione l’India, il Sud Africa, l’Argentina e il Senegal. Di questi quattro paesi, solo l’Argentina ha denunciato le azioni della Russia in Ucraina.

Il Senegal è un paese molto richiesto in questo momento, sia dagli occidentali che dalla Russia.Il professor Frederic Miran osserva.

Inoltre, in vista del vertice del G7, la Cina sta organizzando un incontro dei paesi emergenti con Russia, India, Sud Africa e Brasile, Per controbilanciare la tendenza dei paesi occidentali a formare piccoli gruppi e combattere Egemonia americanadice Pechino.

Pertanto, i paesi del G7 sentono l’urgenza di dimostrare che stanno rispondendo alle richieste dei paesi in via di sviluppo, verso i quali Russia e Cina sono molto cortesi.

Il Canada intende cogliere l’occasione del Gruppo dei Sette principali paesi industrializzati (G7) per mostrare la propria esperienza nel campo dell’agricoltura, al fine di fornire un po’ di sollievo alla crisi alimentare in questi paesi.

Il Canada può condividere il suo talento per il trasporto e lo stoccaggio del grano. Abbiamo i migliori esperti al mondo per questo tipo di logistica, su lunghe distanze e nonostante il caldo o il freddoafferma un rappresentante diplomatico di alto rango del Canada.

Tuttavia, il fascino dell’Occidente non è scontato, secondo Benoit Hardy Chartrand, ricercatore associato alla Raoul Dandurand Chair e professore alla Temple University di Tokyo.

Questi paesi non sono necessariamente disposti a tagliare i legami con la Russia, il che renderebbe difficile per il Canada e altri giocatori occidentali unirsi ai loro ranghi.Il professore continua.

Linee di faglia intorno alla Russia contro anche i suoi alleatiNato Non sono immuni.

crepeNato

L’ultima tappa del viaggio di Justin Trudeau sarà la vettaNato A Madrid, dal 28 al 30 giugno. La questione cruciale per i prossimi passi militari e umanitari nella guerra in Ucraina è l’attuale divisione tra i membri della NATO.

Il presidente turco si oppone all’adesione di Finlandia e Svezia, perché ritiene che i due Paesi accolgano i “terroristi” del Partito dei lavoratori del Kurdistan.

Foto: REUTERS/Yves Hermann

Il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato dell’importanza di non umiliare Vladimir Putin, aprendo così le porte ai negoziati affinché la Russia mantenga parte del territorio ucraino che occupa.

Una posizione contraria alla volontà espressa dall’Ucraina che, con il sostegno del Canada, desidera tutelare la propria integrità territoriale.

Iniziamo a vedere alcune differenze all’internoNato Su come gestire la Russia a medio e lungo termineafferma Stephanie von Hellatke, professoressa di studi politici alla Queen’s University.

La sfida più grande in questo incontro è garantire che gli Alleati mantengano la loro unità Il Professore aggiunge.

per questo scopo, L’opposizione della Turchia alla domanda di adesione di Svezia e Finlandia NelNato Un’altra prova della coesione dei membri della NATO.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.