Johnson alza il velo alla fine della maggior parte delle restrizioni in Inghilterra

Il primo ministro britannico Boris Johnson lunedì ha rivelato i suoi piani per revocare le più recenti restrizioni sanitarie dal 19 luglio in Inghilterra, invitando i residenti a “imparare a convivere con” il coronavirus con cautela.

Originariamente prevista per il 21 giugno, questa scadenza è stata posticipata di un mese a causa dello scoppio della variante delta più contagiosa, che ora rappresenta quasi tutti i nuovi casi nel Regno Unito.

Il primo ministro conservatore terrà una conferenza stampa nel pomeriggio e il ministro della Salute Sajid Javid parlerà con i parlamentari.

Il Paese in Europa con il maggior numero di decessi dovuti all’epidemia (128.000) dopo la Russia, il Regno Unito è uscito gradualmente dal terzo lockdown, ma ci sono ancora alcune restrizioni, tra l’altro impedendo, tra l’altro, la riapertura dei discoteche e grandi eventi Piena capacità o anche servizio bar nei bar.

Secondo Downing Street, gli ultimi dati suggeriscono che l’inquinamento continuerà ad aumentare con l’abolizione delle restrizioni, “ma il legame tra ricoveri e decessi si sta indebolendo” grazie al programma di vaccinazione. È stato lanciato a dicembre e ha somministrato due dosi a circa il 64% della popolazione adulta.

“Oggi presenteremo come ripristineremo le libertà”, ha detto Boris Johnson, sottolineando che la pandemia “non è finita” e che la popolazione deve “imparare a convivere con il virus” e dimostrare “discriminazione”.

Il governo suggerisce da diversi giorni che intende sfidare ampiamente il dominio britannico e che sta valutando soprattutto di abbandonare l’obbligatorietà dell’uso della mascherina in pubblico in casa.

È un approccio che è stato pesantemente criticato da alcuni accademici che consigliano il ramo esecutivo.

Quindi, il PS Stephen Reacher, professore di psicologia sociale alla St. Andrews University, ha affermato che è “spaventoso avere un ministro ‘della salute’ che vuole rendere tutte le protezioni una questione di scelta personale quando il messaggio principale della pandemia non è presente. Domanda ‘ Io’ ma ‘noi’.” Colpisce la mia salute”.

READ  Fant Beef Info - Notizie da Haiti

per PRitorno Susan Michy, specialista comportamentale presso l’University College di Londra, afferma che scegliere di lasciare che l’inquinamento ci sfugga di mano equivale a “costruire” varie nuove fabbriche “a un ritmo molto alto”.

Nel fine settimana la British Medical Association ha invitato il governo a mantenere in vigore alcune restrizioni a causa dell’aumento “allarmante” del numero di casi, che negli ultimi giorni ha sfiorato i 30mila quotidiani.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *