Italia: la produzione industriale è scesa dell’1,5% a maggio

(ATS) L’indice della produzione industriale è cresciuto dell’1,8% ad aprile, dopo modesti aumenti dello 0,3% a marzo e dello 0,1% a febbraio. Ha raggiunto 102,4 a maggio, in calo rispetto ai 104,5 del mese precedente e al di sopra del livello pre-pandemia registrato a febbraio 2020 (103,3).

Nel 2020 la produzione industriale è diminuita dell’11,4%, il peggior calo dalla crisi del debito del 2009, a causa delle misure restrittive adottate per arginare la pandemia di coronavirus.

I due settori di attività più importanti rispetto ad aprile sono l’energia (-5,2%) ei beni strumentali (-1,8%). I beni di consumo ei beni intermedi sono diminuiti rispettivamente dello 0,8%.

Rispetto a maggio 2020, la produzione industriale è aumentata del 21,1% su base di calendario rivista. L’Italia, il primo Paese colpito dalla crisi sanitaria in Europa, ha imposto severe restrizioni a marzo e aprile 2020, paralizzando gran parte del suo tessuto economico. La produzione industriale è diminuita del 21,3% ad aprile 2020.

L’impatto della pandemia sull’economia italiana è stato pesante lo scorso anno, con il PIL in calo dell’8,9%. L’Italia nel primo trimestre ha registrato un leggero aumento dello 0,1% del PIL rispetto al trimestre precedente e il governo prevede una crescita prossima al 2% nel secondo trimestre.

Per l’intero 2021 Roma prevede una crescita del PIL di circa il 5%.

READ  Dopo aver attraversato il Rubicone

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *