Israele e Hamas sono in guerra Preoccupazioni per la zona cuscinetto israeliana a Gaza

Israele e Hamas sono in guerra  Preoccupazioni per la zona cuscinetto israeliana a Gaza

(Nahal Oz) Israele sta lavorando per creare una zona cuscinetto, all'interno della Striscia di Gaza, volta a rafforzare la sicurezza nel sud del paese, invadendo territori palestinesi già piccoli e sollevando timori di gravi violazioni dei diritti dei suoi residenti.


Il 7 ottobre, i combattenti del movimento islamico palestinese Hamas hanno compiuto l’attacco più mortale della loro storia, dopo aver rotto la recinzione che avrebbe dovuto impedirlo.

Un esperto ha riferito all'Agence France-Presse che l'esercito israeliano si è impegnato nelle ultime settimane a rendere inabitabile una striscia larga un chilometro, da un'estremità all'altra di Gaza. La larghezza dell'area nella sua parte più stretta non supera i 6 chilometri.

Adi Ben Nun, professore all'Università Ebraica di Gerusalemme, afferma, sulla base delle immagini satellitari, che oltre il 30% degli edifici su questo pezzo di terra sono stati distrutti. “È una questione aperta, non è un segreto.”

A gennaio, il comandante dell’esercito israeliano Herzi Halevy ha dovuto spiegare “un’operazione nella zona cuscinetto tra le comunità israeliane e Gaza”. Lì furono uccisi almeno 21 soldati di riserva, il peggior bilancio giornaliero per Israele dall'inizio della guerra.

L'esercito non ha risposto alle domande dell'Agence France-Presse su questa zona cuscinetto.

Ma gli esperti ora affermano che lo sfollamento forzato della popolazione di Gaza potrebbe costituire una violazione dei diritti in tempo di guerra.

“Non sconfinare” su Gaza

“Vediamo prove sempre più evidenti che Israele sta rendendo inabitabili vaste aree di Gaza […]. Nadia Hardman, specialista in diritti dei rifugiati presso Human Rights Watch, ha detto all’AFP che ciò potrebbe equivalere a crimini di guerra.

READ  2.000 migranti scappano da un centro di detenzione | In Libia i migranti 'umiliati' chiedono solo di partire

Ken Roth, professore all’Università di Princeton negli Stati Uniti, aggiunge: “Se il governo israeliano vuole una zona cuscinetto, ha tutto il diritto di creare una zona cuscinetto in Israele”, ma “non di impadronirsi del territorio di Gaza”.

Washington, incrollabile alleato di Israele, ha esplicitamente messo in guardia contro questo. Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha annunciato a gennaio: “Siamo chiari che non ci sarà alcuna violazione” sul territorio di Gaza.

Tuttavia, Israele prende in considerazione questa zona cuscinetto almeno dal 2005, quando l’esercito evacuò unilateralmente quasi 8.000 coloni israeliani che vi si erano stabiliti.

Questo ritiro pose fine alla presenza israeliana nella regione, che risale alla guerra del 1967.

Israele, visto a livello internazionale come un occupante illegale, alla fine ha abbandonato il progetto, ma da allora ha mantenuto il controllo del confine e ha imposto un blocco su Gaza.

L’Egitto, dal canto suo, mantiene una zona cuscinetto con il sud della regione, ma sul suo territorio.

La sicurezza al confine – che non è riconosciuto a livello internazionale – tra Gaza e Israele è una priorità per gli israeliani sfollati dalle città e dai villaggi più vicini a Gaza, che sono stati sottoposti a gravi bombardamenti il ​​7 ottobre.

Non per i bambini

“La zona cuscinetto è importante affinché coloro che vogliono tornare alle loro case si sentano al sicuro”, afferma Israel Oron, ex generale.

Ma il momento non è ancora arrivato. Nessuno dei 400 residenti di Nahal Oz evacuati dopo il 7 ottobre è tornato. “Non è un posto in cui puoi tornare con i tuoi figli. Non ancora, sfortunatamente”, dice Eran Braverman, un contadino di 63 anni, coinvolto nei lavori di restauro del kibbutz.

READ  Israele e Hamas sono in guerra Joe Biden rivela pubblicamente le sue divergenze con il governo israeliano

Più di 1.160 persone sono state uccise, la maggior parte civili, nell'attacco lanciato dai commando di Hamas dalla Striscia di Gaza il 7 ottobre, l'attacco più mortale nella storia di Israele, secondo un conteggio dell'Agence France-Presse basato su dati ufficiali israeliani.

Secondo Israele, delle circa 250 persone trasferite a Gaza il 7 ottobre, vi sono ancora detenuti 132 ostaggi e l'esercito ha annunciato la morte di 27 di loro.

In risposta, il governo di Benjamin Netanyahu ha promesso di “annientare” Hamas, che ha preso il potere a Gaza nel 2007 e ha lanciato un attacco militare che ha provocato più di 27.000 morti, la stragrande maggioranza dei quali civili, secondo il Ministero della Salute del movimento palestinese. .

Negli scenari del dopoguerra, l’idea di una zona cuscinetto è tornata sul tavolo, afferma Cecilie Hellestvedde dell’Accademia norvegese di diritto internazionale.

Alla fine di gennaio, la più alta corte delle Nazioni Unite, nominata dal Sud Africa, ha invitato Israele a prevenire qualsiasi potenziale atto di “genocidio” a Gaza.

Secondo l'esperto, i funzionari israeliani potrebbero essere accusati del rischio di “pulizia etnica, trasferimento di popolazione (illegale) o mancata ricostruzione, che porterà i palestinesi ad abbandonare completamente l'area”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *