India: un elefante canaglia ha ucciso 16 persone negli ultimi due mesi

Un elefante “ribelle” ha ucciso almeno 16 abitanti di un villaggio negli ultimi due mesi nell’India centrale dopo che il suo branco lo ha respinto a causa del suo “cattivo carattere”, ha detto giovedì all’AFP un funzionario per la conservazione della fauna selvatica.

• Leggi anche: in immagini | L’elefante viene spesso nella loro cucina

Questo animale, un maschio adulto, di circa 15 o 16 anni, è andato su tutte le furie nell’area tribale di Santa Barjana nello stato di Jharkhand dopo essere stato respinto dal suo branco di 22 elefanti.

“Potrebbe essere in uno stato di rabbia e rifiuto a causa del suo cattivo carattere o della sua rivalità sessuale con altri maschi”, ha detto all’AFP Satish Chandra Rai, direttore del servizio forestale provinciale.

“Stiamo studiando il suo comportamento e una squadra di 20 funzionari sta costantemente cercando di rintracciarlo, perché la nostra prima priorità è proteggere l’animale”, ha detto.

L’elefante, cercando di unirsi al suo branco, riuscì a seminare le autorità.

Martedì una volpe ha aggredito una coppia di anziani, picchiandola a morte con i moncherini. Secondo il signor Ray, l’elefante ha ucciso solo le persone che si sono trovate accidentalmente sulla sua strada o lo hanno provocato avvicinandosi per fotografarlo. Non attaccava le persone di proposito. “Stiamo aspettando di vedere se il suo gregge lo accoglie di nuovo. Altrimenti si rivelerà un serial killer”.

L’India ha circa 30.000 elefanti asiatici selvatici, ovvero circa il 60% della popolazione selvatica totale. Negli ultimi anni è stato osservato un aumento del numero di elefanti uccisi dagli esseri umani ma anche, a differenza degli uomini uccisi dagli elefanti, è stata osservata l’attività umana invadere le aree forestali.

READ  Baltimora: una corsia di navigazione aperta tra le rovine del ponte

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *