Incendi boschivi: la Colombia chiede aiuto internazionale

Incendi boschivi: la Colombia chiede aiuto internazionale

Giovedì la Colombia ha lanciato un appello per ottenere assistenza internazionale per far fronte a circa tre dozzine di incendi, tra cui diversi intorno alla capitale Bogotà, che hanno colpito la qualità dell’aria e il traffico all’aeroporto internazionale.

• Leggi anche: Esca e scopolamina: turisti presi di mira con un cocktail mortale in Colombia

Il presidente Gustavo Petro ha dichiarato alla stampa di aver “attivato protocolli di richiesta di assistenza internazionale” affinché il Paese possa far fronte ai 31 incendi scoppiati in cinque regioni del Paese, che mercoledì hanno distrutto circa 600 ettari di foresta.

Secondo l’Istituto di Idrologia, Meteorologia e Studi Ambientali (Ideam), l’87% del Paese è a “massimo rischio” di incendi.



Agenzia di stampa francese

Petro ha inoltre sottolineato che gli Stati Uniti, il Cile, il Perù e il Canada hanno già risposto positivamente alle richieste della Colombia di aiutare a contenere lo sviluppo degli incendi.

A Bogotà, più di 300 vigili del fuoco, soldati e soccorritori stanno lottando per estinguere tre diverse epidemie attorno alla capitale di otto milioni di persone.

Il sindaco di Bogotà, Carlos Fernando Galán, ha invitato “i residenti che circondano le zone dell'incendio a indossare maschere protettive” e ha annunciato la chiusura delle scuole e dell'università colpite dal fumo.



Incendi boschivi: la Colombia chiede aiuto internazionale

Agenzia di stampa francese

L’aviazione civile ha affermato che il più grande terminal aereo dell’America Latina in termini di volume di merci operava “con restrizioni” a causa del fumo e della nebbia mattutina, ma la situazione “stava tornando alla normalità”.

Giovedì mattina circa 138 voli sono stati interessati dal ritardo, inclusa la cancellazione di 48 voli e il dirottamento di 16 voli verso altri aeroporti.

READ  Navi da guerra cinesi e statunitensi navigano attraverso lo stretto di Taiwan

Il municipio ha raccomandato di evitare l’attività fisica all’aperto, di chiudere le finestre e, in alcune aree, di posizionare asciugamani bagnati sotto le porte.

“Puzza davvero di fumo. Puoi persino sentire il freddo che ti scende in gola”, ha detto all'AFP Blanca Galindo, una venditrice ambulante di 69 anni, ai piedi delle montagne al confine con Bogotà, dove molte persone indossano maschere protettive.



Incendi boschivi: la Colombia chiede aiuto internazionale

Agenzia di stampa francese

Sono stati visti animali selvatici, uccelli, scoiattoli e procioni cercare rifugio nelle aree urbane.

La Colombia, famosa per la sua biodiversità, sta affrontando l’impatto del fenomeno climatico El Niño, con record di caldo, siccità e incendi.

Martedì, nove comuni nel nord, nel centro e nell’est del paese hanno registrato temperature record di 40,4 gradi Celsius, secondo Aidem, poiché gennaio è solitamente il mese più freddo dell’anno.

“Attualmente, ci sono 62 comuni che soffrono di stress idrico, cioè dove la capacità di acqua dolce è uguale o inferiore alla domanda della popolazione”, ha sottolineato Petro.

Dall'inizio di novembre sono stati registrati 336 incendi boschivi in ​​174 comuni. Secondo la Protezione Civile colombiana, sono stati distrutti almeno 6.618 ettari di vegetazione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *