in Italia, una “dolce vita” lontana dalle restrizioni alla francese

REPORTAGE

Probabilmente non hanno avuto modo di approfittarne, ma i rugbisti del XV di Francia, che sabato hanno giocato la loro prima partita del Torneo delle Sei Nazioni a Roma, si sono recati in una capitale dove la vita è attualmente molto più dolce di a Parigi. L’Italia fa parte dei Paesi in Europa dove le restrizioni per combattere l’epidemia di coronavirus sono le meno onerose. Ad esempio, i ristoranti sono aperti.

“È bello rispetto a Parigi che è un po ‘una città fantasma”

Un cameriere che porta i piatti, il rumore delle posate che entrano in collisione … A Roma si può pranzare in ristorante e in terrazza, godendosi questo momento di tempo sospeso. L’Italia è una sorta di paradiso perduto per noi francesi. I ristoranti qui sono aperti fino alle 18.00. L’Italia, segnata da un primo confino estremamente duro, questa volta ha voluto mantenere il più possibile la vita economica e sociale.

“Abbiamo una parvenza di vita. Possiamo uscire, possiamo prendere un caffè. È bello rispetto a Parigi che è un po ‘una città fantasma”, sorride Roxane, 24 anni, una francese incontrata vicino all’immancabile fontana. di Trevi, e che vive nella capitale italiana. “Il fatto che questa settimana abbiano riaperto i musei è una grande differenza rispetto al mese scorso”, abbonda la sua amica Anaïs, una connazionale.

Quindi stai attento lo stesso. Questa recente revoca delle restrizioni è andata contro il parere di molti medici. Alcuni epidemiologi temono una nuova ondata epidemica che sarebbe terribile. Questa “dolce vita” di cui noi francesi, un po ‘gelosi, non ha molta importanza.

READ  Giro d'Italia - Lefevere: "Remco Evenepoel andrà al Giro senza pressioni"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *